Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 985
ISPICA - 23/08/2014
Cronache - Grave incidente stradale in contrada Scorsone

Motociclista travolge ciclista: è grave

I due mezzi sono stati sequestrati Foto Corrierediragusa.it

Ciclista travolto da motociclista. Si sono riservata la prognosi i medici dell’ospedale Cannizzaro di Catania, dopo aver constatato le gravissime condizioni nelle quali versa C.P., 50 anni, rumeno, senza fissa dimora, trasportato in elisoccorso nel nosocomio catanese poiché vittima di un incidente stradale, l’ennesimo che si verifica in contrada Scorsone. L’uomo si trova ancora in vita poiché tempestivamente soccorso dall’ambulanza del 118 in servizio a Santa Maria del Focallo, presso la Guardia medica marittima. Il medico a bordo del mezzo, praticate le prime manovre di soccorso, ha disposto il trasporto d’urgenza all’ospedale Maggiore di Modica. I sanitari del pronto soccorso nel nosocomio modicano si sono immediatamente resi conto delle gravi condizioni dello sfortunato rumeno, disponendone così il trasporto in elisoccorso al Cannizzaro di Catania.

L’impatto, violentissimo, s’è verificato nella tarda serata di venerdì, nei pressi di una delle ampie e pericolose curve che caratterizzano contrada Scorsone. Due motocilisti a bordo di una moto Bmw di grossa cilindrata, C.A., 40 anni, originario di Palma di Montechiaro (alla guida), e U.I., 33 anni, di Roccalumera, per cause ancora da accertare hanno travolto il ciclista rumeno, ferendolo gravemente e ferendosi altrettanto seriamente. Tant’è che per il 40enne C.A., i sanitari del Maggiore di Modica hanno stabilito una prognosi di 30 giorni. Mentre per la compagna di viaggio, la 33enne U.I., la prognosi è risultata di otto giorni.

I due motociclisti sono stati già dimessi. La dinamica dell’incidente risulta ancora tutta da chiarire come s’apprende tra l’altro dai carabinieri intervenuti sul luogo dell’impatto per effettuare i sopralluoghi. Di sicuro, i pericolosi tornanti, le pessime condizioni del manto stradale e la scarsa visibilità dei sei chilometri e più nei quali s’estende contrada Scorsone hanno concorso in modo preponderante all’impatto, forse inevitabile. I due mezzi sono stati sequestrati.