Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1036
ISPICA - 18/02/2014
Cronache - E’ successo in pieno centro

Furto con scasso alla Vodafone di Ispica

I ladri sono entrati nel locale dopo aver frantumato il vetro della porta d’ingresso Foto Corrierediragusa.it

Furto con scasso in pieno centro cittadino. Presa di mira stavolta una rivendita di telefonia mobile. Dopo aver frantumato il vetro della porta d’ingresso, ignoti malviventi hanno razziato il centro Vodafone, rubando circa venti telefoni cellulari dei più costosi modelli in commercio. Il bottino arraffato è approssimativamente stimato a quattro mila euro, anche se i titolari non hanno ancora quantificato il danno, quindi la cifra potrebbe lievitare. Il furto è stato denunciato ai carabinieri della locale Stazione, avviando le non facili indagini: nessun testimone e niente videosorveglianza. Il negozio si trova pure sprovvisto del sistema d’allarme. Non è escluso fossero in tre i ladri che hanno commesso il furto e che hanno agito, praticamente indisturbati, dopo le tre del mattino di lunedì. Il colpo è stato messo a segno nella centralissima piazza Mazzini, dove, nonostante il fracasso prodotto dalla frantumazione del vetro d’ingresso, nessun testimone pare abbia visto o sentito nulla. Come può non destare l’attenzione dei residenti la distruzione di un vetro di notevoli dimensioni? È la domanda che si pongono i titolari del centro Vodafone, giovani esercenti provenienti da Rosolini, che tanto hanno investito per il rilancio di una competitiva e varia offerta.

Piazza Mazzini, in effetti, non è un luogo dei più tranquilli. È tristemente frequentata da «personaggi» non proprio in linea con la legalità, spesso invischiati nello spaccio di droga «riservato» a giovanissimi acquirenti. Ma è stata anche teatro di risse. La «più famosa» quella all’interno del chiosco di Uccio e Alberto, consumatosi in uno spazio risicatissimo, col rischio di coinvolgere anche i titolari, che hanno dovuto poi ripulire gli schizzi di sangue che hanno imbrattato ogni cosa lì attorno: dalla macchina del caffè, ai bicchieri e alle tazzine. La sicurezza e l’incolumità dei cittadini è a rischio. I furti in appartamento rappresentano una preoccupante costante, quelli nelle campagne e nella zona marittima si consumano quasi quotidianamente e gli ultimi furti in serie hanno interessato l’area artigianale.

Nei giorni scorsi, nel giro di 72 ore, sono state prese di mira villette e aziende in contrada Garzalla, fruttando un lauto bottino. Svaligiando un paio di villette, i malviventi hanno rubato orologi di pregio, gioielli, tv, tablet e notebook per un valore di circa sei mila euro. I ladri hanno poi tentato il colpo ai danni delle aziende della zona. Ma i furti sono stati sventati dai sistemi di allarme nel frattempo implementati (per disperazione) dai titolari delle imprese, che, di fatto, si sono azionati, inducendo alla fuga i malviventi. Causando comunque danni di diverse centinaia di euro,forzando infissi o porte. Siamo di fronte, insomma, ad un autentico allarme sociale.