Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 257
ISPICA - 31/01/2014
Cronache - Possibile svolta nelle indagini dei Carabinieri

E´ di Messina l´autrice del raggiro ad anziano di Ispica?

La consegna dei 6mila euro ai truffatori, secondo il confuso racconto della vittima, pare sia avvenuto nei pressi dell’ufficio postale, in via Vittorio Veneto Foto Corrierediragusa.it

Una donna sui 30 anni e, forse, d’origine messinese: il suo volto è probabilmente noto in altri distretti. Potrebbe esser stata riconosciuta la truffatrice dell’anziano ispicese, R.S., 77 anni, vittima di un raggiro costatogli 6 mila euro lo scorso 14 gennaio. I carabinieri sono sulle tracce di questapersona, che pare abbia seguito l’uomo all’interno dell’Unicredit, controllando che il prelievo della cospicua somma fosse realmente effettuato. Ha insospettito i testimoni una figura femminile, che, entrando in banca subito dopo la vittima, non ha effettuato operazioni, ma ha atteso che l’ispicese portasse a termine la propria, uscendo dall’istituto di credito seguendo l’anziano.

La svolta alle indagini, oltre le testimonianze raccolte, è il frutto dell’acquisizione delle immagini della videosorveglianza fornite dall’istituto bancario dove s’è consumata la truffa. Ma le certezze potrebbero giungere dal vaglio delle registrazionidelle telecamere comunali installate in piazza dell’Unità d’Italia. Si cerca molto probabilmente il momento in cui la vittima del raggiro «passa» il denaro ai malviventi.

La consegna dei 6mila euro ai truffatori, secondo il confuso racconto della vittima, pare sia avvenuto nei pressi dell’ufficio postale, in via Vittorio Veneto. I malviventi non è escluso possano essere anche coinvolti nella truffa commessa lo stesso pomeriggio del 14 gennaio a Vittoria. La vittima è risultata essere un altro anziano. Gli è stato fatto credere che, per «sbloccare» una cospicua eredità, servisse una piccola somma di denaro del quale, ovviamente, i balordi non erano in possesso.