Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 770
ISPICA - 23/11/2013
Cronache - Manette dei Carabinieri per un 57enne di Ispica

Donna picchiata in giorno contro violenza

L’energumeno, con una mazza di ferro e legno, aveva sfondato la porta della camera da letto dove stava riposando la donna Foto Corrierediragusa.it

Alla vigilia della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, i Carabinieri hanno arrestato G. F., 57 anni di Ispica, per il reato di maltrattamenti in famiglia, ingiurie, minacce aggravate e atti persecutori nei confronti della moglie, nonché per il reato di danneggiamento. Eventi che si ripetono con una frequenza impressionante e che rendono doverosa la celebrazione di giornate come quella conto la violenza sulle donne. I militari sono intervenuti in un’abitazione poiché era in corso una lite in famiglia, trovando una donna in stato di agitazione e di esasperazione che riferiva che, poco prima, il marito, per l’ennesima volta, le aveva usato violenza in quanto, con una mazza di ferro e legno, aveva sfondato la porta della camera da letto dove stava riposando e, dopo aver danneggiato gli arredi della stanza, l’ aveva minacciata di morte. La donna, esasperata dall’atteggiamento aggressivo del marito, per analoghi episodi nel 2011 aveva già presentato querela ai Carabinieri che stavano monitorando i comportamenti dell’uomo, tanto da denunciarlo in stato di libertà per maltrattamenti, minacce aggravate e lesioni, fatti avvenuti tra il 2007 e il 2011. Inoltre un ulteriore episodio di violenza, è stato denunciato dalla donna nell’ottobre del 2013.

Pertanto, tenuto conto delle precedenti querele, dei fatti accaduti la scorsa sera e dello stato psicologico della donna tale da alterarle la serenità e farle cambiare le abitudini di vita, provocandole un grave stato d’ansia e di paura nonché un fondato timore per l’incolumità propria, al fine di evitare il reiterarsi dei reati in questione e quindi prevenirne di più gravi, i Carabinieri di Ispica hanno proceduto all’arresto dell’uomo, al quale sono stati concessi i domiciliari.