Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1221
ISPICA - 26/09/2013
Cronache - Il vigile urbano 63enne era in servizio nei pressi della scuola "Einaudi". Non rischia la vita

Grave ispettore Polizia travolto da moto

Per il giovane centauro, S.A., 16 anni, ispicese, si configurano reati di natura colposa
Foto CorrierediRagusa.it

Investito da un motociclista e trascinato sull’asfalto per almeno dieci metri, l’ispettore di Polizia municipale, Giorgio Basile, 63 anni, già comandante facente funzione (nella foto la scena dell´incidente). È stato ricoverato in codice rosso all’ospedale «Maggiore» di Modica, dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico all’addome. Prestava servizio in via Duca degli Abruzzi, nel luogo dove, appena tre mesi fa, è stato travolto e ucciso da un pirata della strada il camionista Pino Rosa, vittima che non ha ancora trovato giustizia.

L’incidente, verificatosi dopo mezzogiorno e in pieno centro cittadino mentre l’ispettore regolava il traffico all’uscita della scuola «Einaudi», ha procurato a Basile una commozione cerebrale, diverse fratture e la lesione di una vena che ha procurato versamento di sangue nell’addome. Lesione che, per un attimo, ha fatto temere per la vita dell’uomo, ma, per fortuna, la tempestività dei soccorsi, la successiva Tac e l’immediata decisione d’intervenire chirurgicamente per aspirare il versamento hanno scampato ogni pericolo.

Per il giovane centauro, S.A., 16 anni, ispicese, si configurano reati di natura colposa, in quanto la sua posizione non è stata aggravata dall’omissione di soccorso, come s’era pensato in un primo momento. Risponderà davanti al giudice di guida senza patente e lesioni gravi. L’«Aprilia» 125 che guidava è stata sequestrata dai carabinieri della locale stazione, che hanno effettuato i rilievi necessari a ricostruire la dinamica dell’incidente.

Il dottor Basile, come anticipato, regolava il traffico veicolare in via Duca degli Abruzzi. Traffico che s’intensifica dopo mezzogiorno proprio perché in quei pressi, in via 4 Novembre precisamente, si trova ubicato l’istituto scolastico «Einaudi». L’ispettore, secondo una prima e tutta d’accertare ricostruzione degli eventi, nel consentire agli scolari d’attraversare la strada, ha intimato l’alt al centauro. Quest’ultimo non ha eseguito l’ordine (forse per paura di guidare la moto senza patente, o, probabilmente, perché non è riuscito a frenare in tempo), travolgendo Basile e trascinandolo almeno dieci metri sull’asfalto. L’ispettore s’è quindi accasciato a terra privo di sensi, ferito e sanguinante.

L’incidente ha generato panico fra i presenti, oltre che il caos. La paura ha dominato gli animi per qualche istante, poi, ha prevalso il buon senso ed è scattata la telefonata d’allarme ai soccorsi ed alle forze dell’ordine.

Basile è stato trasportato d’urgenza al «Maggiore» di Modica, dove i sanitari del Pronto soccorso si sono subito resi conto della situazione in tutta la sua gravità. La lesione addominale, seppur non letale, lasciva presagire nulla di buono. E, quindi, la successiva e tempestiva decisione d’intervenire in sala operatoria per aspirare il versamento di sangue cagionato da un vena tranciata durante l’impatto con la moto.

Rimangono sgomenti tutti i colleghi del comando di Polizia municipale, alcuni dei quali hanno seguito e assistito il loro superiore, offrendo solidarietà alla famiglia. La compagnia di Modica, in generale, e i carabinieri di Ispica, in particolare, faranno invece modo che casi di questo genere rimangano isolati, infliggendo punizioni esemplari a coloro i quali pensano di poter facilmente aggirare la legge.