Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 859
ISPICA - 13/08/2013
Cronache - Le fiamme hanno invaso l’area comunale che ospitava il vecchio sito

Rogo in discarica dismessa a Ispica. Forse c´è il dolo

I Vigili del fuoco del distaccamento di Modica hanno domato le fiamme, lavorando alacremente per circa due ore

È quasi sicuramente di natura dolosa l’incendio che si è sviluppato dopo le nove di ieri mattina in contrada Graffetta, in territorio di Ispica. Le fiamme hanno invaso l’area comunale che ospitava la vecchia discarica di rifiuti solidi urbani, dismessa oramai da quindici anni. Il fuoco traeva origine da diversi focolai, che, nei trecento metri quadrati interessati dalle fiamme, sembravano quasi essere distribuiti scientemente. E, in effetti, secondo quanto reso noto, l’incendio potrebbe essere frutto delle delinquenziali intenzioni di qualcuno che voleva liberarsi dei folti cespugli che insistevano nella zona abbandonata, per potere poi accedere e trafugare la ferraglia che giaceva sepolta dalle erbacce, rivendendola successivamente al migliore offerente. Un fatto suffragato anche dall’inconfutabile prova che, nella medesima mattina, è stato rubato il cancello (in ferro) d’ingresso della vecchia discarica comunale, non solo per ricavarne utile, ma anche per fuggire velocemente con l’eventuale bottino arraffato. Un piano letteralmente «mandato in fumo» dall’immediata bonifica dell’area incendiata.

I Vigili del fuoco del distaccamento di Modica hanno domato le fiamme, lavorando alacremente per circa due ore. Facendo subito presente che l’incendio era anomalo. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri delle Stazioni di Ispica e di Pozzallo. Secondo le testimonianze rese, pare siano sulle tracce di un furgone che qualcuno ha visto allontanarsi velocemente poco prima che si sprigionassero le fiamme.