Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:27 - Lettori online 907
ISPICA - 19/07/2013
Cronache - I medici hanno riscontrato una frattura cranico facciale con emorragia interna

Muratore 63enne cade da impalcatura

I carabinieri sono stati i primi ad intervenire sul luogo dell’incidente Foto Corrierediragusa.it

Lotta contro la morte il muratore ispicese, C.A., 63 anni, che, ieri, è precipitato da un’impalcatura, mentre intonacava un edificio in corso Vittorio Emanuele. Inutile la corsa all’ospedale Maggiore di Modica. Data la gravità delle condizioni di salute, s’è reso necessario il trasferimento, in elisoccorso, all’ospedale Cannizzaro di Catania dove l’uomo si trova ora ricoverato. A mezzogiorno, s’è consumato il tragico incidente: la vittima perde l’equilibrio e rovina a terra a pancia in giù, perdendo i sensi dopo un volo di oltre tre metri. Il panico attanaglia i presenti, alcuni cercano di destare l’uomo dallo stato d’incoscienza, altri chiamano i soccorsi e le forze dell’ordine. Interviene l’ambulanza del servizio 118, trasportando d’urgenza il ferito al Maggiore di Modica, dove i sanitari del pronto soccorso si rendono subito conto della situazione in tutta la sua gravità. I medici hanno infatti riscontrato una frattura cranico facciale, che ha provocato un’emorragia interna, rendendo critico il quadro clinico del paziente. Stabilita la situazione di gravità delle condizioni di salute dell’uomo, i medici del Maggiore hanno ritenuto opportuno disporre il trasferimento all’ospedale Cannizzaro di Catania, dove l’uomo è stato trasportato in elisoccorso, per ricevere cure mirate e più adeguate al suo caso.

I carabinieri sono stati i primi ad intervenire sul luogo dell’incidente. Hanno coordinato i primi soccorsi, aiutando in ogni modo possibile il ferito. E hanno poi effettuato i rilievi del caso, circoscrivendo la zona interessata, ricostruendo, seppur in modo parziale, la dinamica dell’accaduto. Per avere la certezza di ciò che è accaduto s’attende infatti un referto medico più accurato, che deve per forza giungere dal nosocomio catanese. La vittima dell’incidente, infatti, potrebbe avere accusato un malore mentre lavorava, cagionandone la quasi fatale caduta, oppure potrebbe essere stata la stessa impalcatura ad aver ceduto in un punto, facendo perdere l´equilibrio al malcapitato.