Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 739
ISPICA - 23/11/2011
Cronache - Sono stati denunciati ancora quattro furti in appartamento

Prosegue la lunga sequela di furti in abitazione ad Ispica

I quattro furti sono stati perpetrati dall’11 al 18 novembre

Sono stati denunciati ancora quattro furti in appartamento. Rubati monili in oro denaro. Nonostante decine di pattuglie dei Carabinieri assedino la città di giorno e di notte, i «soliti» ignoti ladri continuano ad agire indisturbati nell’arco della mattinata.

I quattro furti sono stati perpetrati dall’11 al 18 novembre. Il meno recente risulta essere stato in via Lazio. Sono seguiti quelli nelle vie Delle Regioni, Pietro Micca e Scivoletto.

Il modus operandi dei malviventi è sempre il medesimo: agiscono in gruppo; sembra si muovano a piedi prima di derubare gli appartamenti e pare fuggano a bordo di un furgone scuro che, dopo avere rubato, passa a prenderli; piazzano il «palo» in un punto strategico a fare la guardia e si introducono nelle abitazioni, forzando abilmente finestre o porte secondarie a pianterreno. In alcuni casi, non si curano se ci siano persone in casa (specie se si tratta di anziani, come è accaduto nei furti di via Campania, via Sardegna e via Pietro Micca); si dirigono in camera da letto, mettono a soqquadro la stanza alla ricerca di preziosi e denaro, portando via tutto ciò che di valore trovano a portata di mano; agiscono in fretta (il furto in via Gela è stato perpetrato in dieci minuti); sono muniti di attrezzi atti allo scasso e, a volte, anche di metal detector; non lasciano impronte, utilizzano guanti in lattice.

Gli ispicesi hanno paura. La visione militarizzata della città li spaventa ancora di più. Sembra, però, che i Carabinieri non brancolino nel buio, anche se le bocche rimangono cucite. Le indagini sono forse ad una svolta. Pare infatti sia accaduto qualcosa nelle ultime ore che abbia indirizzato i militari dell’arma a seguire una pista ben precisa.