Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 526
ISPICA - 18/09/2011
Cronache - Due anziani avevano rubato oltre due quintali di frutta

Ladri di frutta over 70 arrestati dai Carabinieri

I due anziani ladri sono stati fermati nel corso di un normale controllo della circolazione stradale

I Carabinieri hanno arrestato due ladri attempati dopo aver rubato oltre due quintali di frutta da una coltivazione netina, ai confini con il territorio di Ispica.

Si tratta di B.G. e G.G., queste le iniziali, entrambi di 70 anni, originari di Pozzallo. Sono stati fermati dai militari due giorni fa, rispondendo venerdì in Tribunale dell’accusa di furto aggravato. Il Giudice per le indagini preliminari ha disposto la convalida degli arresti.

I due anziani ladri sono stati fermati nel corso di un normale controllo della circolazione stradale da una pattuglia dei Carabinieri di Ispica. Ciò accadeva intorno a mezzanotte del 15 settembre scorso.

La presenza a bordo della Moto Ape su cui viaggiavano di un ingente quantitativo di frutta ha da subito insospettito i militari che non hanno impiegato molto tempo per comprendere che si trattava di refurtiva.

Le immediate indagini, infatti, hanno permesso di accertare che i 250 kilogrammi di uva che i due anziani avevano caricato sul loro veicolo erano appena stati rubati all’interno di una azienda agricola netina ai confini con il territorio di Ispica.

I Carabinieri hanno quindi provveduto a restituire l’intera refurtiva al titolare dell’azienda agricola vittima del furto che, nel frattempo, si era recata in caserma, sporgendo la denuncia del furto.

Dopo la convalida degli arresti, ad uno dei due ladri è stato consentito di disporre degli arresti domiciliari, mentre il «socio in affari» è rimasto in carcere a Modica Alta in attesa del loro processo che avrà luogo il prossimo 23 settembre.