Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1335
ISPICA - 17/12/2007
Cronache - Ispica - Il padre ispicese e la madre americana si sono incontrati

Tregua armata dei genitori
in attesa dell´udienza
di venerdì sui bimbi contesi

I toni pacati dell’incontro hanno evitato bruschi risvolti in una situazione fin troppo delicata Foto Corrierediragusa.it

Si sarebbe svolto in un clima abbastanza disteso l’incontro tra il padre e la madre dei due fratellini ispicesi di 6 e 4 anni contesi e la cui custodia è stata affidata alla donna dal giudice del tribunale dei minori di Catania.

I toni pacati dell’incontro hanno evitato bruschi risvolti in una situazione fin troppo delicata e che aveva raggiunto l’apice della drammaticità lo scorso venerdì, quando la polizia aveva tentato di portare via i due bimbi dall’abitazione dove vivono con il papà.

Gli agenti e l’assistente sociale, che dovevano svolgere il loro dovere in ossequio alla legge e sulla base dell’esecutività del provvedimento del giudice, avevano alla fine desistito grazie agli ispicesi che, radunatisi in folti capannelli dinanzi alla casa, avevano finito col presidiarla come un autentico fortino (nella foto).

Per evitare che il clima già incandescente, nonostante il freddo polare, potesse degenerare con grave nocumento per i due fratellini, già sottoposti ad una notevole dose di stress perché non volevano separarsi dal papà, la polizia li aveva alla fine lasciati a casa loro. L’incontro di ieri tra i genitori, gli avvocati e gli assistenti sociali, protrattosi fino a sera, è stato interlocutorio.

Madre e padre hanno concordato sulla necessità che anche ieri notte i due bambini dovevano continuare a dormire nei loro letti, in quella casa dove vivono con il papà e che non hanno voluto lasciare per nulla a mondo, piangendo a dirotto e muovendo tutti quanti a pietà.

Ma sarà sempre il giudice ad avere l’ultima parola, nell’udienza fissata per venerdì. In quella sede dovrà decidere se annullare il divieto d’espatrio per i due fratellini, consentendo loro di partire alla volta di Albany, in California, dove la madre di origini americane vive con un nuovo compagno. I bimbi avrebbero già manifestato ampiamente la loro volontà di restare ad Ispica con il padre.