Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1367
ISPICA - 28/09/2010
Cronache - Ispica: lo rende noto lo stesso sindaco Piero Rustico

Criminalità ad Ispica, i cittadini non si sentono tutelati

La difficoltà nell’arginare il fenomeno, soprattutto legato agli innumerevoli furti che si sono verificati negli ultimi mesi e agli atti di vandalismo, hanno spinto un gruppo di vittime ad informare, in forma anonima, le istituzioni

«La risposta delle Forze dell’Ordine presenti nel territorio è assolutamente inadeguata alla gravità e all’imponenza del fenomeno denunciato». È quanto scritto in una lettera anonima, a quanto pare, redatta da un gruppo di vittime della criminalità locale. Lo rende noto lo stesso sindaco Piero Rustico, allarmato destinatario della missiva, insieme con il prefetto Francesca Cannizzo, sempre, secondo quanto rivela il primo cittadino.

Risulta quindi cresciuta la criminalità ad Ispica. E la difficoltà nell’arginare il fenomeno, soprattutto legato agli innumerevoli furti che si sono verificati negli ultimi mesi e agli atti di vandalismo, hanno spinto un gruppo di vittime ad informare, in forma anonima, le istituzioni.

Il sindaco, in modo probabile schiacciato dall’evidenza dei fatti, non ha potuto far altro, se non constatare che «il territorio ispicese è stato preso di mira da criminali che continuano, da diverso tempo, a perpetrare innumerevoli azioni delittuose».

Rustico ha successivamente redatto ed inviato una missiva a Cannizzo. «Le denunce presentate dai cittadini alle Forze di Polizia – scrive il sindaco al prefetto – non rappresentano purtroppo la totalità dei fatti delittuosi che si consumano nel territorio. Oltre ad una costante segnalazione di fenomeni criminali e di vandalismo che non hanno risparmiato neppure beni e strutture pubbliche. La comunità cittadina versa nel disagio. Stato di disagio e di amarezza che emerge in tutta la sua crudezza nella nota «anonima» che i cittadini di questa comunità hanno indirizzato a me e al prefetto in questi giorni. Nello specifico – aggiunge - intendo riferirmi, oltre che ai gravi episodi di furti dei pannelli fotovoltaici e degli atti di vandalismo compiuti su edifici comunali, anche ad una lettera senza firme fatta pervenire al suo ufficio (l’ufficio del prefetto n.d.c.) contenente un grido di allarme per la crescente insicurezza sul territorio comunale e, in particolare, nelle campagne. Ed una richiesta di aiuto concreto per porre fine a questo stato di cose.

La segnalazione anonima, garbata ma forte, - contia Rustico – impone all’attenzione delle istituzioni una problematica spiacevole che richiede idonea ed energica soluzione: il sindaco, a tale proposito, auspica «una massiccia presenza di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza sul territorio comunale (specie nelle ore notturne) ed un adeguato potenziamento dell’organico della locale stazione dei Carabinieri, per stroncare i gravi fenomeni sopra denunciati e ridare fiducia e serenità ad una comunità che da sempre si fa apprezzare per laboriosità e senso del dovere».