Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 959
ISPICA - 30/08/2010
Cronache - Ispica: un pomeriggio da brividi nella località estiva ispicese

Panico a Marina Marza per l´incendio in un canneto che ha lambito le case

Vigili del fuoco di Modica, Ragusa, Vittoria e Protezione civile hanno lavorato l’intero pomeriggio, con l’aiuto dell’elicottero proveniente da Catania, per avere ragione delle fiamme, che per fortuna non hanno provocato danni a persone o cose
Foto CorrierediRagusa.it

Brivido in contrada Bocca di Lupo, località Marina Marza. Una vasta estenzione di canneto è stata divorata dall’incendio che si è sviluppato nel pomeriggio di lunedì ed ha lambito anche le residenze estive. Le fiamme sono state favorite dal forte vento di ponente e il fumo prodotto ha provocato panico fra i residenti della zona.

I Vigili del Comando provinciale hanno disposto l’invio della squadra operativa del distaccamento di Modica e di Vittoria. La prima squadra giunta ha immediatamente avviato le operazioni di spegnimento circoscrivendo il canneto che bruciava, che stava lambendo le residenze estive edificate in prossimità del canneto stesso.

Da Catania., nel frattempo è stato fatto alzare in volo l’elicottero del nucleo Vigili del fuoco per effettuare una ricognizione della zona. A supporto delle squadre operative è intervenuta una squadra della Forestale del distaccamento di Scicli, mentre i Carabinieri della Stazione di Ispica e la Polizia municipale provvedevano a regolare il traffico nella strada invasa dal fumo. Sono stati utilizzati 14 mila litri di acqua.

Le operazioni di spegnimento sono state completate solo intorno alle 19. I vigili hanno constatato che, a parte il panico dei residenti della zona, non sono stati rilevati danni a persone o cose. Alle operazioni ha partecipato anche personale della Protezione Civile Comunale.

(nella foto, il canneto bruciato a ridosso delle case)