Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 837
GIARRATANA - 03/06/2010
Cronache - Giarratana: hanno agito le guardie zoofile dell’Enpa e un veterinario dell’Asp 7

Sequestrato canile-lager a Giarratana. Evitata tragedia

20 cani, di cui 16 adulti e 4 cuccioli, erano temuti in condizioni igienico sanitarie ai limiti del sostenibile Foto Corrierediragusa.it

Il sequestro tempestivo di un canile – lager alle porte di Giarratana ha scongiurato il possibile ripetersi della tragedia del Pisciotto, quando un bimbo di 10 anni di Modica, Giuseppe Brafa, fu sbranato dai randagi quel fatidico 15 marzo 2009.

Sono stati le guardie zoofile dell’Enpa e un veterinario dell’Azienda sanitaria provinciale 7 di Ragusa a scoprire il canile – lager, intuendo il potenziale pericolo. 20 cani, di cui 16 adulti e 4 cuccioli, erano temuti in condizioni igienico sanitarie ai limiti del sostenibile, tra rifiuti d’ogni genere, carcasse d’auto e lastre di eternit, materiale altamente tossico.

L’appezzamento di terreno adibito ad improvvisato canile era recintato alla meglio, con numerose falle lungo la rete metallica che consentivano ai cani, almeno a quelli non legati ad una catena talmente corta da impedire ogni movimento, di poter agevolmente raggiungere una via pubblica. Un pericolo reale per le tante persone che ogni giorno passavano per la zona, e che rischiavano d’essere assalite dai cani, affamati e assetati.

Come accertato difatti dalle guardie zoofile dell’Enpa e dal veterinario dell’Asp 7, erano pochissime le ciotole con avanzi di cibo a disposizione dei cani, mentre l’acqua era del tutto inesistente. La presenza dei cuccioli, peraltro, rendeva ancora più aggressive le cagne, per via dell’istinto di protezione dagli estranei.

Una potenziale bomba ad orologeria per fortuna disinnescata prima che potesse verificarsi un’altra tragedia come quella che portò alla ribalta della cronaca il territorio di Scicli e l’intera provincia iblea. L’area è stata sottoposta a sequestro, mentre i cani sono stati affidati alle cure dei veterinari. Un cocker e un pitbull in particolar erano ridotti in condizioni pietose. Il proprietario dell’improvvisata struttura è stato denunciato per maltrattamento di animali.