Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 715
GIARRATANA - 10/02/2009
Cronache - Giarratana - Pietro Avola era partito dalla provincia nel 1957

Incendi in Australia: tra le vittime un uomo di Giarratana

L’emigrato gestiva un’azienda agricola assieme alla moglie Mary, riuscita a salvarsi dalle fiamme per puro miracolo Foto Corrierediragusa.it

C´è anche un emigrato ibleo originario di Giarratana tra i 131 morti carbonizzati nell´Australia sud-orientale. Pietro Avola, 67 anni, era partito nel 1957 dalla provincia di Ragusa alla volta dell´Australia. Avola è stato ritrovato dai soccorritori, oramai esanime a causa dell´intenso fumo che si era sprigionato nell´aria, nello stato di Vittoria, il più colpito dal rogo.

La moglie, fortunatamente, è riuscita a mettersi in salvo. Pietro Avola gestiva un´azienda agricola proprio insieme alla consorte, Mary. Le fiamme alimentate dal forte vento hanno letteralmente inghiottito l´azienda e l´abitazione annessa, entrambe di legno. I coniugi Avola, secondo una prima sommaria ricostruzione, si sono allontanati su due auto diverse. Mary ce l´ha fatta, Pietro no.

Lo scorso anno Pietro Avola era tornato in vacanza a Giarratana per partecipare alla tradizionale festa di San Bartolomeo assieme agli amici di sempre, che lo ricordano come grande lavoratore, legato alla sua famiglia e alla terra d´origine.

(Nell´immagine di repertorio uno dei violenti incendi - killer in Australia)