Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1000
GIARRATANA - 21/10/2014
Cronache - Il bottino era stato di 10 mila euro

Rapinano Bapr Giarratana: 3 arresti di militari e polizia

La refurtiva è stata recuperata e riconsegnata al direttore dell’istituto di credito Foto Corrierediragusa.it

Tre rapinatori catanesi in trasferta che avevano assaltato la filiale di Giarratana della Banca agricola popolare di Ragusa, portandosi via un bottino di 10 mila euro, sono stati arrestati dai carabinieri e dalla polizia. Le manette sono scattate ai polsi di Manuel Sciuto, 29enne di Motta S. Anastasia, Luigi Orazio Maccarone, 23enne di Belpasso, e Walter Roccella, 25enne anch’egli di Belpasso (da sx nella foto), tutti e tre con precedenti specifici. Il veicolo utilizzato per la rapina, che è stato sequestrato, è risultato essere di proprietà della madre di Roccella. I banditi sono stati inseguiti dopo che erano fuggiti in auto con la refurtiva e avevano terminato la corsa tamponando la vettura in sosta di un poliziotto del commissariato di Vittoria fuori servizio. I militari dell´arma e il poliziotto hanno quindi inseguito a piedi due dei tre fuggitivi, ammanettandoli. Il terzo rapinatore è stato intercettato poco dopo da una volante che si era recata in zona dopo la telefonata al 113 del collega fuori servizio a cui era stata tamponata l´auto e che, resosi conto di quanto stesse accadendo, ha preso parte attivamente alla cattura dei complici assieme ai militari.

La refurtiva è stata interamente recuperata e quindi riconsegnata al direttore dell´istituto di credito. Il comandante provinciale dei carabinieri Sigismondo Fragassi si è immediatamente recato a Monterosso Almo, nella cui caserma si trovavano in stato di arresto i tre catanesi, per congratularsi con tutti i militari operanti e con il poliziotto dell´auto tamponata dai malviventi e che, sebbene libero dal servizio, come accennato ha dato manforte ai colleghi dell’arma per la cattura.