Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1353
GIARRATANA - 27/07/2013
Cronache - L’uomo è stato colto in flagranza mentre rubava gli ortaggi. Due denunce pure a Ragusa

Le cipolle di Giarratana fanno "piangere" un ladro 49enne

Sia a Giarratana che a Ragusa sono intervenuti i Carabinieri

Un giarratanese è stato denunciato per furto aggravato dai Carabinieri che lo hanno colto in flagranza a rubare le rinomate cipolle di Giarratana un imprenditore agricolo suo compaesano. R.L., 49 anni, si era introdotto nella proprietà della vittima designata per rubare l’ortaggio. Una mossa che non è passata inosservata, visto che il proprietario si è accorto di tutto, telefonando al 112. Mentre arrivavano i militari, l’uomo aveva già preso tre casse di cipolle, per un peso di settanta chilogrammi e un valore all’ingrosso di qualche decina di euro, al dettaglio forse poco più di cento euro.

DENUNCIATI DUE RAGUSANI A BORDO DI UNA MOTOAPE PER I REATI DI GUIDA SENZA PATENTE E PORTO ABUSIVO DI OGGETTI ATTI AD OFFENDERE
E intanto i militari dell’aliquota radiomobile della compagnia carabinieri di Ragusa hanno bloccato tra via Risorgimento e viale Sicilia una motoape poiché hanno notato che era senza targa. A bordo due vecchie conoscenze dei militari, il 26enne M.C. e il 30enne G.C., entrambi ragusani e pregiudicati.
Alla guida M.C., sorvegliato speciale privo di patente di guida. Tutti in caserma, quindi, indagati il primo per guida senza patente e per la violazione degli obblighi della sorveglianza speciale (il giudice di Ragusa infatti gli aveva vietato di guidare veicoli e di accompagnarsi con pregiudicati), il secondo per porto di oggetti atti ad offendere. Il veicolo era pure privo di assicurazione e il telaio era illeggibile (impedendo così la completa identificazione del mezzo). Il proprietario era inoltre privo della carta di circolazione, smarrita anch’essa con la targa. In attesa di riscontri sulla provenienza del veicolo, esso è stato sottoposto a sequestro e il conducente ha avuto, oltre alle due denunce penali, pure quattro verbali di violazione del codice della strada, per cui dovrà pagare sanzioni per complessivi 3mila 616 euro.