Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1327
COMISO - 29/07/2010
Cronache - Comiso: due scuole prese di mira la dadri-vandali

Scuole di Comiso demolite per rubare pochi oggetti

Porte sfondate a calci, ante degli armadietti divelte, materiale didattico sparso per terra e pareti in cartongesso forate. Danni ingenti per rubare un televisore, un videoproiettore e un computer

Alcuni malviventi si sono introdotti nottetempo presso i locali della scuola dell´infanzia «S. Antonio nuova sezione» e «Regionale», ubicati in via Canicarao. Lo spettacolo che si è offerto stamane alle forze dell´ordine è stato veramente disarmante: porte interne sfondate a calci, ante degli armadietti metallici divelte, materiale di vario genere (colori, album, giochi e lavoretti realizzati dai bambini) sparso per terra, pareti in cartongesso letteralmente forate.

Un danno ingente per portar via alcuni apparecchi, un televisore, un videoproiettore, computer, che sono strumenti indispensabili alla quotidiana pratica didattica. Il sindaco Giuseppe Alfano stigmatizza l´atto indegno: «Fatti di questo genere, mentre nell´immediato hanno come effetto una reazione di profondo sdegno, devono portarci ad intensificare la collaborazione tra istituzioni e forze dell´ordine, che con estrema difficoltà, evidentemente, cercano di controllare un territorio troppo vasto, come quello della nostra città. Di sicuro aiuto sarà la realizzazione del progetto di messa in sicurezza della città attraverso un sistema di videosorveglianza, orami in fase di avvio».

La dirigente scolastica dell´istituto comprensivo di Pedalino, a cui le sezioni della scuola dell´infanzia fanno capo, ha evidenziato il proprio rammarico: «Questi episodi fanno crollare la fiducia nella società attuale, che evidentemente va a rotoli, se si arriva a fare scempio di un luogo e a sottrarre materiale indispensabile al benessere e alla crescita dei bambini».

L´assessore alla Pubblica istruzione è rimasta particolarmente toccata: «Una scuola da poco tempo inaugurata, un vero fiore all´occhiello della nostra città, come del resto nessun altro luogo, non meritava certo di subire tali e tanti danni. Non saranno certo le follia e l´inciviltà di pochi però a fermare il desiderio di assicurare ai nostri bambini luoghi ideali per la loro crescita serena ed equilibrata. Subito dopo i necessari rilievi della Polizia, infatti, gli operai del Comune interverranno per riportare tutto alle condizioni ottimali di prima».