Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1130
COMISO - 14/07/2010
Cronache - Comiso: un arresto e una denuncia per vendita di capi contraffatti

Griffe false alla fiera San Biagio. Sequestrati vari capi

Scoperti due senegalesi intenti a vendere i falsi a prezzo convenienti. Uno è finito in manette violazione della legge sull’immigrazione, l’altro denunciato

Borse, cinture e scarpe recanti marchi di note industrie del settore e di cd musicali e dvd. Fra le bancarelle della festa di San Biagio, in mostra per essere vendute a prezzi convenienti.

I militari della Guardia di finanza sono intervenuti alla presenza di numerosi clienti che si accingevano a valutare il possibile acquisto di scarpe, maglie, borse e accessori di abbigliamento delle marche più conosciute, quali Gucci, Dolce & Gabbana, Prada, Lacoste, a prezzi chiaramente più bassi della media di mercato.

I finanzieri hanno eseguito controlli accurati della merce scoprendo che non si trattava di capi originali, ma di ben curate imitazioni. I militari hanno rilevato una serie di difformità tra le quali la mancanza dei codici identificativi e hanno proceduto al sequestro di oltre un centinaio di articoli e beni contraffatti.

Il controllo sulla contraffazione è stato quindi esteso anche ad altre bancarelle allestite per la vendita di CD musicali e DVD. Gli ulteriori controlli hanno portato al sequestro di altri 500 pezzi illecitamente duplicati in violazione alla disciplina in materia di diritti d‘autore.
Gli addetti alla vendita sono stati generalizzati, e per uno di loro si è proceduto all’arresto in flagranza di reato per violazione della legge sull’immigrazione clandestina, oltre che per la consumazione del reato di contraffazione e pirateria audiovisiva. La persona è stata associata alla Casa Circondariale di Contrada Pendente in Ragusa. L’altro commerciante ambulante, di origine sempre senegalese, è stato denunciato a piede libero per la vendita di merce contraffatta.