Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1580
COMISO - 19/03/2010
Cronache - Comiso: l’ultimo saluto a Carmela Alessandrello, 63 anni

Comiso: celebrati i funerali della donna uccisa dalla figlia

La matricida aveva inferto delle coltellate alla vittima mentre dormiva in piena notte

Dolore e incredulità ai funerali di Carmela Alessandrello, la donna comisana di 63 anni uccisa dalla figlia a coltellate per motivi ancora inspiegabili. Nella chiesa dell’Annunziata, ad ascoltare l’omelia di Padre Giuseppe Cabibbo, anche il sindaco Giuseppe Alfano, che conosceva bene Carmela Alessandrello come anche il resto della sua famiglia.

Poche parole da Padre Cabibbo per tentare di dar sollievo alla sofferenza enorme dei familiari: solo con la fede, ha detto, si può superare un dolore per una perdita che appare inspiegabile. E poi ha aggiunto: Carmela come Cristo, morto ingiustamente. A nove giorni dalla morte di Carmela Alessandrello, quindi, rimane solo il dolore: la spiegazione per il gesto assurdo compiuto dalla figlia ancora non c’è: la matricida, ricoverata al Maria Paternò Arezzo di Ragusa Ibla, è in cura farmacologica e al Gip, che la ha interrogata ieri, non ha risposto quasi nulla.

Sembra, invece, che in alcuni momenti la donna abbia persino chiesto della madre, non rendendosi conto di ciò che ha fatto. Un particolare che non fa altro che aggravare il dolore dei familiari che adesso possono solo piangere la madre, senza capire il perché del gesto della figlia.