Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 989
COMISO - 14/01/2010
Cronache - Comiso: il centro storico nelle mani della microcriminalità

Comiso, rubati tabacchi e soldi dal centrale bar Corallo

E’ l’ultima scorribanda di malavitosi. Fra le vittime dei ladri in passato, anche il bar Orchidea, una gioielleria, il comando di Polizia municipale e Banco di Sicilia. A quando la videosorveglianza?

Furto rocambolesco nel centralissimo bar Corallo di Comiso. Durante la notte scorsa ladri «contorsionisti» si sono introdotti nello storico bar da una piccolissima finestra del retro quasi impossibile da oltrepassare. All’apertura i proprietari si sono accorti dell’accaduto ed hanno immediatamente sporto denuncia alla polizia. La vicenda però è coperta dal massimo riserbo.

La proprietaria del locale ha dichiarato che proprio nel pomeriggio aveva effettuato il carico di tabacchi per svariate centinaia di euro. Ed è proprio ciò che è stato rubato. Oltre alle sigarette, i ladri hanno trafugato anche il fondo cassa che era rimasto lì per una somma pari a 150 euro. «Non è la prima volta che il nostro locale, come altri, viene preso di mira durante le ore notturne – ha dichiarato la proprietaria – ma credo che gli inquirenti, siano già sulle tracce dei ladri».

Si registra così l’ennesimo episodio a danno di attività commerciali site nel centro storico cittadino. Qualche mese fa, l’altro bar di fronte al Corallo, l’Orchidea, è stato preso di mira. Trafugati anche allora, pacchetti di sigarette. Poi è stato il tentato furto alla gioielleria. A seguire, lo scasso ai danni della polizia municipale che si trova al centro di piazza Fonte Diana, e tre giorni dopo il furto con scasso ai danni del banco di Sicilia, sempre in piazza.

Riemerge più evidente che mai, il problema di un centro storico cittadino completamente privo di controllo. Da tempo l’amministrazione ha richiesto ed ottenuto un finanziamento per la video sorveglianza soprattutto laddove insistono banche e locali commerciali, ma ad oggi le uniche video camere esistenti sono quelle installate da privati.