Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 436
COMISO - 27/10/2009
Cronache - Comiso: hanno altresì tentato di abusare di una donna

"Arancia meccanica" a Comiso: tentano di stuprare romena

Le indagini condotte dal Commissariato diretto da Rosario Amaru’ hanno permesso di trovare in breve tempo i responsabili
Foto CorrierediRagusa.it

Quattro romeni fanno irruzione in una casa di Comiso armati con un grosso bastone minacciando e picchiando violentemente gli inquilini, altri due romeni. Dopo averli aggrediti e ripetutamente percossi i due rapinatori scappano con una consistente somma di denaro. Durante la rapina era presente anche la moglie di uno dei due malcapitati che ha dovuto piu’ volte respingere le pesanti avances di uno dei quattro malviventi. Tutto è avvenuto sabato scorso dopo la mezzanotte.

Mentre i rapinatori scappano le due vittime scendono in strada per cercare aiuto. Dopo qualche minuto di girare, in stato di shock, i malcapitati incontrano e fermano una pattuglia della Polizia e spiegano agli agenti quanto accaduto.

Le indagini condotte dal Commissariato diretto da Rosario Amaru’ hanno permesso di trovare in breve tempo i responsabili della rapina. Qualche minuto dopo, infatti, gli agenti hanno notato in via Duca D’Aosta un’autovettura Opel Tigra di colore blu, simile a quella segnalata dalle vittime.

Dopo un breve inseguimento, i quattro rumeni sono stati bloccati. All’interno dell’auto è stata ritrovata la mazza di ferro che ha inchiodato i malviventi alle loro responsabilità.

Lucian Carlan è stato arrestato per tentata violenza sessuale e rapina aggravata in concorso. Gli altri componenti della banda, tutti fratelli, Costantin Bastic, Gheorge Bastic e Vesile Bastic, sono stati accompagnati alla casa circondariale di Ragusa a disposizione del Pubblico Ministero.