Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 363
COMISO - 02/10/2009
Cronache - Comiso: «curva della morte», scontro frontale fra due giovani comisani

Sfiorata un´altra tragedia sulla «trazzera statale" 115

Scontro frontale fra due macchine a causa della pozzanghera che puntualmente si forma con l’abbondante pioggia. Se non si può eliminare la strada, che almeno si rifaccia il manto e si renda più sicura l’arteria

Ieri sera verso la mezzanotte, all’altezza del vecchio stabilimento della So.Si.Ma nel tratto Comiso – Vittoria, due giovani in auto si sono scontrati frontalmente. Si tratta di una ragazza di 34 anni, M.C di Comiso, e di un giovane A.M di 23, sempre di Comiso. La prima viaggiava in direzione Comiso- Vittoria, il secondo in direzione opposta. A causare lo scontro le pessime condizioni del manto stradale che da anni viene puntualmente segnalato all’ Anas, e la curva cieca causa di numerosi incidenti mortali.

Dopo le forti piogge registrate durante il corso della serata, si è venuto a creare proprio in quel tratto, come sempre, un grosso accumulo di acqua determinato da un profondo avvallamento del manto stradale e non visibile provenendo da Comiso. Pare che la ragazza, alla guida di una Panda abbia fatto «acquaplaning» perdendo il controllo della sua vettura, finendo così nella carreggiata opposta dalla quale proveniva il giovane A.M, alla guida di una Nissan. Lo scontro è stato frontale, ma i due giovani, fortunatamente, hanno riportato solo escoriazioni ed ematomi. La tragedia è stata evitata anche grazie alla ridotta velocità dei due conducenti.

La pericolosità della Ss 115 comunque è un capitolo che non si chiude ancora. Nonostante l’aumento esponenziale di incidenti, spesso mortali, pare che si sia calato un velo di silenzio e di disinteresse nel volere mettere in sicurezza quel tratto che va da Comiso a Vittoria, dove la percentuale di vittime è una delle più elevate.