Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1572
COMISO - 27/08/2009
Cronache - Comiso: regole condominiali rigide, due famiglie si picchiano in via San Martino

Comiso: trasloco rumoroso, rissa tra due famiglie

Interviene la polizia per riportare la pace fra comisani e tunisini

Quando le regole condominiali sono troppo rigide, scoppiano le bagarre. È quanto accaduto nel pomeriggio di mercoledì verso le 16, quando per un rumore di troppo è scoppiata una lite furibonda tra una famiglia di Comiso ed una famiglia tunisina. I nuclei familiari vivono in una casa a due piani in via San Martino.

Il proprietario G.P di 46 anni aveva da poco affittato l’appartamento del piano superiore ad una donna tunisina ed ai suoi due figli, una ragazza di 20 ed un maschio di 18. Prima ancora che gli immigrati riuscissero a mettere piede nella nuova abitazione, sono spuntate delle regole da rispettare, quali ad esempio il divieto di usare calzature in legno o con i tacchi, il divieto di fumare sia nelle scale, sia nell’ingresso, sia addirittura dentro casa perché, secondo quanto emerso, il fumo avrebbe potuto dare fastidio ai proprietari, una volta uscito fuori da un cavedio interno.

Verso le 16, la donna tunisina ed i figli, hanno cominciato ad effettuare il trasloco arrecando disturbo al proprietario dell’immobile che stava facendo la «pennichella» pomeridiana. Da lì, un crescendo di toni tra la ragazza e la proprietaria, poi un linguaggio alquanto sboccato, poi le minacce, ed alla fine, le vie di fatto. Solo l’intervento della polizia è riuscito a sedare gli animi. Più che di intolleranza razziale, pare si sia trattato di una vera e propria intolleranza ai rumori da un lato, alle regole dall’altro.