Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1114
COMISO - 14/08/2009
Cronache - Comiso: gli ultimi episodi di cronaca nera infiammano il dibattito politico

Liti tra immigrati e ratti in centro creano polemica

Il Pd punta il dito contro lo stato di l’abbandono della città nei mesi estivi. Zago: «Serve un presidio h24»

I processi di abbandono e progressivo degrado del centro storico di Comiso, secondo il Pd, sono ancora più visibili nei mesi estivi, quando le aree limitrofe a Piazza Fonte Diana «subiscono visibilmente l’incuria di chi amministra la città. La derattizzazione del centro e l’istituzione di un presidio permanente h24 nella piazza centrale della nostra città sono due provvedimenti ormai improcrastinabili».

Il capogruppo consiliare di opposizione Salvatore Zago cita l’ultimo episodio di cronaca nera che ha visto un accoltellamento in pieno centro, uno degli episodi che ormai caratterizzano il centro storico di Comiso nelle ore serali e nei mesi estivi. Per l’opposizione piazza Fonte Diana è ormai il simbolo di un’importantissima area della città che, anziché beneficiarie di politiche attive di animazione e rivitalizzazione che ne facciano il teatro scenografico all’aperto dell’estate cittadina, assiste impotente ad un processo di degrado progressivo che appare irrefrenabile.

«Ma a che serve convocare consigli comunali aperti sulla sicurezza, a che serve vantare nei comunicati stampa trionfalistici dell’amministrazione comunale la realizzazione di tavoli tecnici per la legalità e sicurezza quando non si riesce ad intercettare le esigenze più immediate dei cittadini? E’ così difficile predisporre un presidio h24 che restituisca ai cittadini piazza Fonte Diana e le vie adiacenti? E’ così difficile predisporre una derattizzazione del centro storico come si è fatto per altre aree della città»?