Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1501
COMISO - 07/04/2009
Cronache - Vittoria: la vittima resta ricoverata al "Cannizzaro" di Catania, ma non rischia la vita

Amputata la gamba all´operaio dell´incidente sul lavoro

Era accaduto martedì pomeriggio nell’impianto di betonaggio ubicato sulla provinciale 18 Vittoria - Santa Croce. Il lavoratore era stato soccorso dai vigili del fuoco
Foto CorrierediRagusa.it

I medici del raparto di ortopedia del "Cannizzaro" di Catania hanno dovuto amputare la gamba destra all’operaio comisano G.P., 65 anni, nativo di Grammichele ma residente a Comiso, rimasto vittima nel pomeriggio di martedì di un grave incidente sul lavoro in un impianto di betonaggio sulla provinciale 18 Vittoria – Santa Croce. L’operaio, mentre era intento alla manutenzione del macchinario, è rimasto incastrato con una gamba in un frantoio che serve a sminuzzare le pietre. Le lame elicodiali hanno maciullato la gamba, che, come purtroppo già preventivato ieri, era a rischio amputazione. I medici hanno proceduto in questo senso per evitare la cancrena e, di conseguenza, la gamba destra è stata amputata all´altezza del femore.

G.P. resta ricoverato nel reparto di rianimazione dell´ospdedale catanese. La prognosi resta riservata ma le condizioni dell’operaio sono stabili e non è in pericolo di vita. L’allarme era stato lanciato subito dagli altri operai, la cui attenzione era stata richiamata dalle urla dello sfortunato operaio, liberato dai vigili del fuoco, che avevano scongiurato conseguenze ben più gravi.

Gli ispettori del lavoro dovranno adesso scoprire le cause dell’incidente sul lavoro e accertare se sussistessesero i requisiti minimi di sicurezza nell’impianto di betonaggio.

(Nella foto in alto di Rosario Invincibile il momento del trasporto della vittima in elisoccorso)