Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 838
COMISO - 19/02/2009
Cronache - Comiso: la polizia ha scoperto un 25enne "manolesta"

Comiso: denunciato ladro d´auto, ne aveva rubate 10

Il giovane deve rispondere di furto aggravato continuato

Ladro di auto denunciato a piede libero dalla Polizia di Comiso. N.R., di 25 anni, deve rispondere di furto aggravato continuato. Gli agenti del commissariato di via Pietro Micca, guidati dal dirigente Rosario Amarù, hanno accertato la sua responsabilità per almeno dieci furti di autovetture. La tecnica era sempre la stessa: l’utilizzo di «spadini» per forzare le portiere delle autovetture e poi il classici sistemi per mettere in moto e per portar via le auto. Nel mirino del ladro, c’erano soprattutto le Fiat Uno e le Fiat Panda.

Ma il ladro non mirava alle auto: dopo i furti, poi, le vetture venivano abbandonate, quasi sempre nella stessa zona (nel quartiere Sacro Cuore). Dall’interno delle auto il ladro aveva portato via gli oggetti più disparati, a partire dalle autoradio, certamente più facili da piazzare sul mercato nero. La Polizia ha messo insieme una serie di elementi di indagine che hanno portato subito nella direzione giusta: il responsabile dei furti era N.R. di 25 anni, che aveva già dei precedenti pensali. E’ scattata una perquisizione nella sua abitazione e lì sono stati trovati una serie di oggetti che si sono tramutati in prova inconfutabile: innanzitutto gli «spadini», ma anche documenti ed accessori delle vetture di cui il giovane non ha saputo giustificare la provenienza.

C’erano autoradio, giubbotti fluorescenti, cavi di emergenza per l’avviamento del veicolo, chiavi di abitazioni, portachiavi, certificati e contrassegni assicurativi, batterie. Il materiale trovato corrispondeva esattamente con quello che si trovava all’interno delle auto rubate e poi abbandonate. Quando le auto venivano restituite ai proprietari, l’interno era stato ben ripulito. Sulla base del materiale ritrovato, si è potuto accertare la responsabilità del giovane per almeno dieci dei furti commessi. E’ stato denunciato a piede libero per furto aggravato continuato. La refurtiva, invece, è stata restituita ai proprietari che, in sede di denuncia, ne avevano denunciato l’ammanco.