Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 17:39
COMISO - 10/10/2018
Cronache - La denuncia di Articolo Uno La Spiga con una interrogazione consiliare

In vista della commemorazione dei defunti cimitero nel degrado

Della problematica si è fatto carico il consigliere Gaetano Gaglio Foto Corrierediragusa.it

"In vista della commemorazione dei defunti cimitero nel degrado a Comiso con erbacce nei viali, alcuni dei quali impraticabili": la denuncia è del consigliere comunale di Articolo Uno La Spiga Gaetano Gaglio, che ha presentato una interrogazione consiliare in merito. "Neppure l’approssimarsi della ricorrenza per la celebrazione dei defunti - scrive Gaglio - ha sinora scosso l’amministrazione comunale dall’abbandono a cui, da tre mesi circa, è stato destinato il cimitero di Comiso. A seguito di un sopralluogo per constatare la veridicità delle numerose segnalazioni da parte dei cittadini, è apparso evidente come siano oltremodo necessari seri interventi di pulizia, scerbatura e manutenzione del verde. Molti viali sono infatti ormai invasi dalla vegetazione spontanea (foto), alcuni sono quasi del tutto impraticabili; i campi di inumazione hanno bisogno di urgenti interventi di manutenzione del verde mentre sarebbe oltremodo opportuno eliminare persino alcune microdiscariche di inerti, presenti all’interno del perimetro cimiteriale.

Per sollecitare un pronto intervento che restituisca almeno un minimo di decoro alla sacralità del luogo - prosegue Gaglio - ho presentato una interrogazione consiliare che consenta di verificare le motivazioni per cui ci si è ridotti a tanto e le misure previste per contrastare il fenomeno. I cittadini si augurano che da ora in poi si possano dedicare maggiori risorse ed energie alla cura della città e che l’Amministrazione Schembari - conclude il consigliere comunale - possa concentrarsi almeno sull’ordinaria gestione della quotidianità invece che su come revocare i provvedimenti ereditati".