Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 16:15 - Lettori online 1117
COMISO - 12/06/2017
Cronache - E’ successo nottetempo in territorio casmeneo

Gli sparano e si salva grazie al sedile della sua auto

In manette due fratelli pastori originari di Gela Foto Corrierediragusa.it

Probabilmente deve la vita al sedile della sua auto, che ha deviato un proiettile sparato alle sue spalle e che altrimenti lo avrebbe colpito all’altezza del torace. Si tratta di un imprenditore di Comiso, proprietario di un oleificio sito in contrada Rinazzi, al confine tra Vittoria e la città casmenea, oggetto di un tentato furto. L’uomo ha avuto la malsana idea di accusare del fatto i suoi vicini, ovvero i fratelli Francesco e Orazio Calabrese, di 40 e 37 anni, entrambi pastori originari di Gela. Questi ultimi non l’hanno presa per niente bene e, dopo un primo diverbio a seguito del quale l’imprenditore si era allontanato, quest’ultimo è stato poi raggiunto nottetempo in auto da altre due macchine che lo hanno affiancato da davanti e da dietro, impedendogli di fatto la prosecuzione della marcia. Sono scesi quattro individui, tra cui i due fratelli, che hanno cominciato a colpire la vettura con delle spranghe, e, quel che è peggio, sparando pure alcuni colpi di pistola. Un proiettile, come accennato, si è conficcato nel sedile del conducente, senza ferire il fortunato quanto incauto imprenditore, che, per salvarsi, ha cominciato a fare brusche manovre, pigiando sull’acceleratore e tamponando le due macchine che lo bloccavano, riuscendo a sgommare via.

L’uomo ha poi allertato il fratello, che, ignaro di tutto, stava vegliando sull’azienda. Una telefonata al 113 ha consentito alla polizia di mettersi subito sulle tracce degli aggressori, individuando i due fratelli, uno dei quali ha confessato. Per entrambi sono quindi scattate le manette con l’accusa di tentato omicidio. Indagini sono in corso per identificare gli altri due aggressori. Sull’episodio, per fortuna senza gravi conseguenze, la procura iblea ha aperto un´inchiesta.

Nella foto l´auto dell´imprenditore colpita dai proiettili all´attenzione della scientifica