Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1160
COMISO - 30/07/2016
Cronache - Operazione antidroga in territorio di Comiso

La cocaina nascosta nel lampadario

L’uomo è stato sottoposto ai domiciliari Foto Corrierediragusa.it

Continua senza sosta, da parte dell’Arma di Ragusa, l’azione di contrasto al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Proprio nell’ambito di uno dei servizi specificatamente predisposti su disposizione del Comando Provinciale per combattere il fenomeno criminale, nel territorio di Comiso sono state eseguite una raffica di perquisizioni, nei confronti di soggetti con precedenti penali e già noti ai militari dell’Arma dei Carabinieri per essere dediti alle lucrose attività relative allo spaccio di stupefacenti di ogni tipo. Nel corso di una di queste perquisizioni è saltata fuori della cocaina dall’abitazione di Danilo Giannì, 27enne pregiudicato di Comiso. Circa 10 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, già suddivisa in dosi e pronta per essere immessa sul mercato, erano nascosti nel lampadario della cucina.

Oltre allo stupefacente è stato rinvenuto pure tutto l’occorrente per confezionare le dosi da immettere sul mercato, poiché in casa vi era anche un bilancino di precisione, per pesare le singoli dosi, delle buste di plastica tagliate a cerchi, da cui ricavare le confezioni delle dosi e, inoltre, la somma contante di 480 euro suddivisa tutte in banconote dello stesso taglio da 20 e 50 euro. Proprio tale dettaglio ha fatto propendere i militari sul fatto che tale somma fosse provento dell’attività di spaccio dello stupefacente in quanto, per come emerge da tutte le attività d’indagine svolte a riguardo, il prezzo sul mercato della singola dose di cocaina oscilla tra i 40 e i 50 euro. Il 27enne è stato dunque sottoposto ai domiciliari.