Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 847
COMISO - 24/11/2015
Cronache - Obbligo di dimora per un complice 19enne

Coppia di fidanzati "detective" fanno arrestare i ladri

I malviventi si sono traditi grazie alle intercettazioni telefoniche Foto Corrierediragusa.it

Fidanzatini «detective» smascherano ladri incalliti. Una giovane coppia, insospettita dalla costante presenza in zona di un’auto e di tre persone sconosciute si improvvisa «investigatori»: la coppia annota i particolari, compresa la targa e modello della vettura, e gira i dati alla polizia, con una segnalazione al 113. Le indagini hanno quindi permesso di sgominare una banda di ladri di appartamenti, culminate con l´arresto di tre persone. Le stesse che la coppia di fidanzati aveva notato compiere un sopralluogo accanto alla casa che è stata poi svaligiata. Le misure cautelari riguardano Jacopo Verzeroli, 34 anni; Andrea D´Angelo, 28 anni (da sx nella foto), entrambi ai domiciliari, e P.I., 19 anni che ha avuto imposto l´obbligo di dimora. Stando alle indagini, i tre avevano l´abitudine di compiere sopralluoghi nei pressi di alcune abitazioni prima di entrare in azione, e questi movimenti erano stati osservati, in particolar modo, dalla coppia di fidanzati. I poliziotti avevano richiesto l´intercettazione delle utenze telefoniche in uso agli arrestati, scoprendo che durante uno dei furti parlavano al telefono.

Il piano era quasi sempre lo stesso: uno in macchina, uno faceva da palo e un altro entrava in casa, spesso arrampicandosi lungo il pluviale o un palo della luce. Durante un furto fruttato quasi 30 mila euro, Verzeroli ha contattato i complici all´esterno della casa, dicendo di aver «trovato la sorpresa». Il complice preoccupato aveva chiesto: «C´è qualcuno, c´è la vecchia»? «No, ci sono solo belle cose». In una delle case depredate è stata trovata l´impronta digitale di Verzeroli.