Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1465
COMISO - 08/11/2015
Cronache - Il giovane è stato poi rimesso in libertà in quanto incensurato

In manette coltivatore diretto di... cannabis

Le manette sono scattate per il 23enne Simone Iurato Foto Corrierediragusa.it

Aveva una vera e propria piantagione di cannabis nella sua cameretta all’insaputa di mamma e papà. I carabinieri hanno arrestato un giovane comisano, il 23enne incensurato Simone Iurato, con l’accusa di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti. Nel corso della perquisizione domiciliare i militari hanno trovato un vaso con una pianta di marijuana dell’altezza di circa un metro e uno con un’altra pianta in via di sviluppo e alta circa 20 centimetri, vasi con semi già impiantati, quasi 90 semi di canapa, vitamine e sangue di bue per concimare la terra dei vasi. E poi ancora cesoie, coltelli, taglierini, buste e carta stagnola per confezionare l’«erba», due bilancini di precisione, una bottiglia con marijuana in infusione nell’alcool, una serra in miniatura con l’interno rifrangente e una lampada alogena per illuminare e riscaldare la pianta di cannabis e farla crescere meglio, e, infine, circa 10 grammi di marijuana pronta all’uso.

Il 23enne, celibe e nullafacente, è stato arrestato per produzione e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Il giovane, come accennato, si dedicava al pollice verde illegale all´insaputa degli esterrefatti genitori. Dopo le formalità di rito il 23enne è stato rimesso in libertà in quanto incensurato.