Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 342
COMISO - 08/08/2015
Cronache - Indagano i carabinieri

Rapina di 50 mila euro alla "Banca nuova" di Comiso

Forse sono gli stessi rapinatori che appena lunedì mattino avevano colpito ai danni della filiale di Scoglitti della «Banca agricola popolare di Ragusa» portandosi via contante per circa 10 mila euro Foto Corrierediragusa.it

E’ di oltre 50 mila euro il bottino messo a segno ieri pomeriggio da rapinatori professionisti ai danni della filiale di Comiso della «Banca nuova» in corso Ho Chi Min (foto). I due malviventi sono penetrati nell’istituto di credito intorno alle 15.30 col volto nascosto da passamontagna e con una pistola alla cintola bene in vista per intimidire i presenti, una decina di persone in tutto tra impiegati e clienti. I rapinatori hanno intimato al direttore di aprire la cassaforte e hanno atteso circa tre quarti d’ora fino a quando non scattasse il meccanismo a tempo. Poi hanno costretto un cassiere a mettere i soldi in una borsa e sono fuggiti. Nel trambusto nessuno dei testimoni è riuscito a vedere la direzione che hanno preso e il mezzo utilizzato per la fuga. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Vittoria e Comiso, coadiuvati dai militari della sezione investigazioni scientifiche del nucleo provinciale, alla ricerca di impronte o altri indizi che pare non siano stati lasciati dai criminali.

Anche questa circostanza induce a pensare che si tratti di professionisti del crimine, forse gli stessi che appena lunedì mattino avevano colpito ai danni della filiale di Scoglitti della «Banca agricola popolare di Ragusa» portandosi via contante per circa 10 mila euro. Le indagini dei militari si presentano dunque complesse, anche perché poco utili si stanno rivelando le immagini riprese dalle telecamere del sistema di sorveglianza a circuito chiuso delle due banche in entrambe le rapine.