Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1509
COMISO - 18/07/2015
Cronache - Denunciato dalla polizia il 23enne F.G. già ai domiciliari

Soldi e cartucce tra basilico e rosmarino: una denuncia

Denaro e cartucce sono stati sequestrati Foto Corrierediragusa.it

Come nel cosiddetto "Campo dei miracoli" della celebre favola di Pinocchio, un pregiudicato agli arresti domiciliari proprietario di un appartamento a Comiso aveva nascosto parecchio denaro "sporco" nel terreno, di certo non per far nascere l’albero dei soldi, quanto piuttosto per nasconderlo in un posto ritenuto sicurissimo. Così non è stato per F.G., 23 anni, scoperto e denunciato dalla polizia di Comiso diretta dal vice questore aggiunto Emanuele Giunta. Gli agenti hanno eseguito alcune perquisizioni in abitazioni della zona e proprio durante una di queste l’attenzione dei poliziotti è stata attirata da una zona adiacente l’abitazione, all’interno della quale vi era piantumato del rosmarino e del basilico. Tra una pianta e l’altra, però, vi era parecchio spazio. Insospettiti, i poliziotti si sono procurati una piccola vanga e hanno iniziato a smuovere, anche in profondità il terreno. La sorpresa è stata evidente allorquando scavando è venuto fuori un barattolo di vetro con all’interno parecchie banconote, anche del taglio di 500 euro. Un altro barattolo conteneva invece ben 20 cartucce calibro 7.65 perfettamente conservate. L’uomo ovviamente non ha dato spiegazioni esaustive circa la provenienza dei soldi e men che meno circa la provenienza delle cartucce. Pertanto, il denaro, per un totale di 5 mila 600 euro, tutto in banconote di grosso taglio, è stato sequestrato.

Sotto sequestro ovviamente anche le cartucce, mentre F.G. è stato dunque denunciato per il reato di detenzione di munizionamento senza la necessaria autorizzazione.