Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 880
COMISO - 14/03/2015
Cronache - Nel mirino dei ladri un costruendo agriturismo

Furti: la polizia denuncia il ladro e recupera la refurtiva

Un altro rumeno è stato segnalato per possesso ingiustificato di arma da taglio Foto Corrierediragusa.it

La polizia, a seguito di un furto commesso a Pedalino alcuni giorni addietro, ha avviato una intensa attività investigativa volta ad individuare gli autori del reato, considerata anche la difficoltà nel ricettare buona parte del provento del furto: si trattava infatti di materiale destinato ad un agriturismo in fase di realizzazione. Ignoti ladri infatti si erano nottetempo introdotti all’interno di un caseggiato rurale dove erano riposte infatti attrezzature agricole e strumentazione musicale. Nello stabile erano infatti in corso lavori di ristrutturazione dell’immobile volti al ripristino per adibirlo ad agriturismo. Il furto era stato scoperto dal proprietario che aveva registrato la scomparsa di attrezzature da lavoro e musicali per circa 3 mila euro. Le indagini immediatamente svolte dagli agenti della polizia di Stato hanno permesso di appurare che un noto pregiudicato rumeno, A.S., 35 anni, già arrestato anche per numerosi furti di rame, poteva essere in possesso di tutti il materiale strumentale rubato. Effettivamente una immediata perquisizione dell’abitazione rurale del pregiudicato ha permesso di rinvenire buona parte della refurtiva (foto) oggetto di denuncia e già restituita al proprieatrio.

Il rumeno è stato segnalato all’autorità giudiziaria per ricettazione.
Durante l’attività di indagine sono state effettuate numerose perquisizioni ad altri pregiudicati rumeni della zona e uno di questi, L.G.O., 21 anni, è stato denunciato in stato di libertà per porto ingiustificato senza motivo di un’arma da taglio.


RIMANDATELI A CASA LORO!
15/03/2015 | 15.03.04
Gianni

Semplicissimo: rimandateli in Romania, qui pensano solo a rubare....e noi li denunciamo. Mah!