Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 520
COMISO - 01/07/2008
Cronache - Comiso - Alle 17 nella Basilica dell’Annunziata a Comiso

Oggi i funerali del 18enne.
E´ morto anche un maltese

Lungo il litorale ispicese è deceduto Emanuel Formosa, 58 anni Foto Corrierediragusa.it

La gioia al termine degli esami, l’abbraccio con gli amici, un sospiro di liberazione. Appena ieri mattina, Salvatore Guastella (nella foto), il ragazzo morto nell’incidente stradale che si è verificato in contrada Targena, alle porte dell’abitato di Comiso, aveva concluso gli esami di maturità nell’Istituto tecnico agrario la scuola vittoriese dove aveva frequentato negli ultimi cinque anni.

Finiti gli esami, l’appuntamento con gli amici, per una gita al mare a cui negli ultimi giorni aveva dovuto rinunciare per far spazio allo studio. Si era messo in macchina, insieme agli altri due ragazzi, un diciannovenne ed un ventenne e insieme si erano diretti verso il mare. Alla fine del lungo rettilineo all’uscita da Comiso, l’auto ha sbandato, è finita contro il guard rail di destra, si è ribaltata è finita contro il guard rail sinistro, che è stato sfondato e, a sua volta, ha sfondato la portiera della vettura, centrando il povero Salvatore, che si trovava seduto sul sedile anteriore destro.

Il ragazzo, diciotto anni compiuti a dicembre, è morto sul colpo. Gli altri due amici sono rimasti gravemente feriti. Il giovane che si trovava alla guida si trova ricoverato all’ospedale di Comiso dove ieri è stato sottoposto ad intervento chirurgico a causa delle gravi lesioni interne riportate. L’intervento è andato bene, ma la prognosi è ancora riservata. L’altro ragazzo, di 20 anni, che si trovava sul sedile posteriore, ha riportato delle fratture e si torva ricoverato nel reparto di Ortopedia di Vittoria.

Intanto, la notizia della morte del giovane, ha fatto il giro della città. Dolore, commozione, incredulità. Il giovane aveva molti amici, compagni di scuola e non solo. Aveva sognato un futuro da agricoltore, voleva possedere un podere tutto suo per avviare un’attività da imprenditore agricolo. Un sogno forse controcorrente, un sogno rimasto nel cassetto. La sua vita si è fermata troppo presto. Nel modo più tragico e più banale e, purtroppo, più frequente: un incidente stradale. I funerali si svolgeranno alle 17 nella Basilica dell’Annunziata a Comiso.


IN UN ALTRO INCIDENTE STRADALE A ISPICA MUORE ANCHE UN MALTESE

Un cittadino maltese di 58 anni, Emanuel Formosa, ha perso la vita martedì sera in un incidente verificatosi sulla provinciale 67, lungo il litorale di Santa Maria del Focallo. L´uomo si trovava a bordo di un furgoncino condotto dal cognato, che lavora come meccanico in un cantiere navale del porto di Pozzallo.

Il mezzo, intorno alle 19, per cause che sono in corso di accertamento da parte dei Carabinieri, forse per il manto stradale dissestato, ha avuto un sobbalzo che ha causato l´apertura improvvisa dello sportello lato passeggeto. Formosa è stato sbalzato fuori dall´abitacolo, atterrando sull´asfalto. All´incidente hanno assistito, oltre ai cognati, rimasti illesi, anche numerosi testimoni. La tragedia si è infatti consumata all´altezza di un piccolo viadotto che funge da snodo viario di Santa Maria del Focallo, nei pressi della condotta del Consorzio di bonifica.

Formosa, sposato e padre di due figli, secondo quanto è stato possibile apprendere, stava trascorrendo qualche giorno di vacanza in Sicilia, ospite dei suoi parenti. Sul furgoncino c´erano proprio i suoi cognati che hanno assistito impotenti all´incidente. Sul posto sono intervenute anche le ambulanze del 118 e i Carabinieri di Ispica che hanno eseguito i rilievi. Al medico legale non è rimasto altro che costatare il decesso dell´uomo e provvedere alla rimozione del corpo esanime. Già, ieri sera, è stato eseguito all´obitorio di Ispica un primo esame per stabilire le esatte cause della morte.

I vigili del fuoco al lavoro Quel che resta della Peugeot 307 blu La carcassa dell´auto posta sotto sequestro