Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 907
COMISO - 01/08/2014
Cronache - Insieme ad Alfonso Russo era agli arresti domiciliari dal 10 luglio

Coltellate in pasticceria, libero Giuseppe Rosano

Il Tribunale del Riesame, su istanza degli avvocati difensori Salvatore Minardi ed Enzo Giannone, ha disposto la immediata remissione in libertà
Foto CorrierediRagusa.it

Giuseppe Rosano e Alfonso Russo erano stati arrestati dai Carabinieri di Comiso il 10 luglio scorso a causa di una lite scoppiata all’interno di una pasticceria per un contratto di fornitura di energia elettrica. I feriti avevano riportato prognosi di 5 e 10 giorni. Giuseppe Rosano, pasticciere di 53 anni, e Alfonso Russo, 35 anni disoccupato, erano finiti agli arresti domiciliari su provvedimento del gip.

Adesso Giuseppe Rosano, difeso dagli avvocati Salvatore Minardi di Vittoria e da Enzo Giannone di Mazzarrone, è stato rimesso in libertà su disposizione del Tribunale del Riesame composto da Santino Mirabella, presidente, Enrico De Masellis e Giuseppina Montuori, giudici, che ha annullato l’ordinanza del gip disponendo la immediata remissione in libertà se non detenuto per altra causa. Il dibattimento giudiziario è stato fissato per il mese di ottobre del 2014.