Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 901
COMISO - 01/06/2014
Cronache - Operazione di controllo della polizia

Arma clandestina in aeroporto, arrestato La Marca

L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

Un pregiudicato vittoriese di 39 anni, Salvatore La Marca (foto), è stato arrestato dagli uomini del commissariato di polizia diretto dal vice questore aggiunto Emanuele Giunta per possesso in luogo pubblico di arma clandestina. L’uomo è stato sorpreso durante uno dei servizi di controllo predisposti per vigilare sull’aeroporto di Comiso e incrementati in vista della cerimonia in programma per il prossimo 7 giugno che vedrà giungere a Comiso alte cariche dello Stato. I poliziotti hanno notato una «Peugeot 405» nera che stava per accedere alla zona aeroportuale. L’auto è stata fermata e dal controllo risultava condotta da A.M., vittoriese di 67 anni, con precedenti specifici per porto abusivo di ami. In auto con lui Salvatore La Marca, con precedenti specifici per possesso di armi clandestine, tentato omicidio e falso ideologico, reati che gli erano costati l´interdizione perpetua dai Pubblici Uffici. Considerati i precedenti di entrambi ed il luogo al quale stavano per accedere, gli agenti di Polizia hanno deciso di procedere a perquisizione personale e del mezzo. All´interno del marsupio indossato a tracolla da La Marca è stata rinvenuta un´arma marca «Tanfoglio», modello GT 28, di fabbricazione italiana. L’arma, inizialmente una «scacciacani», era stata modificata ed aveva il caricatore, con sei cartucce, inserito.

Sotto il sedile lato guida è stato inoltre rinvenuto un bastone in legno lungo 46 centimetri. Anche questo è stato sequestrato. Alla luce dei fatti emersi, La Marca è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Ragusa, mentre il conducente del mezzo è stato denunciato in stato di libertà per porto di oggetti atti ad offendere.