Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 819
COMISO - 19/11/2013
Cronache - Una "Santabarbara" scoperta dalla Guardia di finanza nelle campagne

VIDEO - Arsenale in casa di 2 vecchietti

Tutto l’arsenale era in ottimo stato di conservazione e ben custodito da due anziani di 85 e 87 anni Foto Corrierediragusa.it

Pistole di grosso calibro, fucili, bombe a mano, circa 10 chili di polvere da sparo, munizioni, attrezzature per preparare cartucce a pallini e a pallettoni (foto), sono stati trovati nascosti in una casa di campagna sulla Comiso-Chiaramonte Gulfi. Erano in ottimo stato di conservazione e ben custoditi da due anziani di 85 e 87 anni, ragusani.



Gli anziani risiedevanoi in una casa non distante da piazza Libertà, proprio a due passi dalla sede del Comando provinciale delle «Fiamme gialle». La «santabarbara» è stata scoperta per caso dagli agenti della Guardia di finanza, forse dietro una soffiata di qualcuno che ha notato movimenti strani attorno a quella casa di campagna. I due vecchietti armati fino ai denti non sono stati arrestati perché la loro età è incompatibile con il carcere. La notizia è trapelata da ambienti legali ieri, ma la Guardia di finanza non l´ha confermata perché sperava di arrivare ai veri utilizzatori delle armi, ritenute in ottimo stato di conservazione e pronte all’utilizzo. Anzi, sono state inviate presso il laboratorio scientifico al fine di accertare se per caso siano state utilizzate da poco per commettere azioni criminali.

Di certo c’è che i due «armieri» abusivi custodivano le armi in maniera maniacale: pulite e ben oliate, come per fare bella mostra in un museo oppure tenute in un deposito pronte per qualche raid criminale, magari su commissione malavitosa. Questo vogliono accertare i finanzieri prima di rendere nota la notizia ufficialmente.