Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 884
COMISO - 12/11/2013
Cronache - Manette per Francesco e Crocifisso Minardi, di 59 e 28 anni, entrambi di Vittoria

Padre e figlio rubano in casa: arrestati

Ai due uomini sono stati concessi i domiciliari mentre il materiale rubato è stato restituito al legittimo proprietario Foto Corrierediragusa.it

Due uomini, padre e figlio, sono stati arrestati dagli agenti del Commissariato di Comiso diretti dal vice questore aggiunto Emanuele Giunta per un furto all’interno di una abitazione rurale sita nel territorio di Comiso in contrada Favaraggi ed adiacente l’aerostazione. I due malviventi, Francesco e Crocifisso Minardi (da sx nella foto), di 59 e 28 anni, entrambi residenti a Vittoria sono stati sorpresi dagli agenti che si sono subito accorti che i due vittoriesi erano intenti a rubare oggetti ferrosi da una privata abitazione, ed alla vista della Volante, sono scappati a bordo di una motoape, tentando di far perdere le proprie tracce percorrendo alcune stradine di campagna; le manovre però non sortivano l’effetto sperato e non appena la motoape raggiungeva la SP5, i due venivano bloccati.

Una volta fermati gli immigrati sono stati trovati in possesso di alcuni attrezzi atti allo scasso utilizzati per tagliare il lucchetto d’ingresso del cancello della proprietà privata. Tornati nella proprietà i poliziotti insieme al proprietario, nel frattempo rintracciato, potevano appurare che era stato divelto il lucchetto che chiudeva il cancello e che la porta di ingresso dell’abitazione era stata forzata; i ladri tuttavia erano riusciti ad impossessarsi solo di alcuni oggetti posti all’esterno, e ritrovati sulla motoape, visto il tempestivo intervento della Polizia.

I due sono stati quindi arrestati con l´accusa di furto aggravato in concorso e danneggiamento. Francesco Minardi,inoltre, è stato denunciato per possesso di arnesi atti allo scasso considerato che lo stesso oltre ad essere sottoposto all’affidamento in prova, è stato già condannato, con sentenza passata, in giudicato per furto aggravato. Ai due uomini sono stati concessi i domiciliari mentre il materiale rubato è stato restituito al legittimo proprietario.