Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1039
COMISO - 15/10/2013
Cronache - Sventato furto in un’antica magione di contrada Cifali

Ladri di mattonelle "interrotti" dalla Squadra volanti

Le indagini della Polizia di Stato continueranno e, al fine di individuare e trarre in arresto gli autori del reato

Gli uomini della Squadra Volanti hanno effettuato dei servizi straordinari di controllo del territori focalizzati con particolare riguardo alle contrade Cifali e Canicarao di Comiso. L’implementazione dei servizi di controllo del territorio ha consentito di sventare un grosso furto presso un’antica abitazione ubicata in contrada Cifali. Una telefonata pervenuta al «113», segnalava la presenza di persone che si aggiravano con fare sospetto nella zona. Il personale di una volante nelle vicinanze convergeva immediatamente sul luogo segnalato, accertando che ignoti malviventi avevano tentato di asportare dei mattoni in pece da un’antica abitazione rurale. I ladri, verosimilmente avvisati dell’arrivo della Polizia da qualcuno che fungeva da «vedetta», abbandonavano i loro veicoli e si dileguavano a piedi nelle impervie campagne circostanti.

Nei pressi dell’abitazione veniva rinvenuta e sequestrata una "Mercedes", appartenente ad un pregiudicato e che era stata utilizzata per commettere il delitto; l’autovettura aveva ancora il motore caldo ed era con le chiavi inserite; inoltre il veicolo era pronto per essere caricato di refurtiva, in quanto privo dei sedili posteriori. I primi accertamenti, permettevano di appurare che gli ignoti malfattori, muniti di guanti, torce e arnesi atti allo scasso, si erano recati presso la citata abitazione con auto e camion ed avevano staccato dal pavimento dell’abitazione numerose mattonelle in pece che erano pronte per essere caricate sui mezzi. Le indagini della Polizia di Stato continueranno e, al fine di individuare e trarre in arresto gli autori del reato, sono al vaglio le numerose fonti di prova raccolte sul luogo del delitto.