Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 389
COMISO - 27/09/2013
Cronache - Episodi di microcriminalità ai danni delle scuole

Ladri e vandali alla materna "Senia" e alla media "Verga"

Il sindaco: "Ci stiamo già adoperando per creare nel giro di poche settimane dei sistemi di video sorveglianza"

Atti vandalici ai danni della scuola materna "Senia" e della scuola media "Verga". Nella notte i vandali si sono introdotti alla materna "Senia", rubando materiale di cancelleria ancora impacchettato e acquistato da poco. Inoltre i muri interni sono stati imbrattati con vernice. Infine i vandali hanno anche distrutto tutti gli estintori, cospargendone il contenuto per terra. Il dirigente scolastico si è visto costretto a chiudere temporaneamente la scuola, mandando i bambini a casa. Non sono stati toccati invece i nuovi pc della scuola media "Verga" dove, sempre l´altra notte, si è registrato un tentativo di furto. Pare che i ladri si siano introdotti da una finestra sita sul retro dell´istituto ma fortunatamente non hanno trafugato niente.

«Siamo davanti ad episodi che credo non abbiano precedenti, sopratutto per la frequenza con cui si stanno registrando – ha commentato l´assessore alla pubblica istruzione Giulia Digiacomo – e di cui non si capisce la logica o la strategia. Confidiamo nelle forze dell´ordine e nei maggiori controlli del territorio come stabilito proprio ieri durante il tavolo tecnico con il Prefetto». « Siamo arrabbiati, dispiaciuti e amareggiati – ha dichiarato il sindaco Filippo Spataro – per quanto sta accadendo a Comiso. Ci stiamo già adoperando per creare nel giro di poche settimane dei sistemi di video sorveglianza presso tutti gli istituti scolastici particolarmente colpiti e abbiamo già sollecitato il Prefetto ad attivare controlli molto più serrati nel territorio comisano».