Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 669
COMISO - 22/06/2013
Cronache - In quattro anni di attività non presentava denunce dei redditi

Evasore totale, denunciato dalla Gdf

Costruiva immobili e li rivendeva sottofatturando gli importi reali. L’evasione dell’iva ammonta a 90 mila euro
Foto CorrierediRagusa.it

Evasione totale. In 4 anni di attività un imprenditore edile di Comiso, V. B., 46 anni, ha sottratto all’Erario redditi per circa 7.000.000 di euro. Ciò è emerso al termine della verifica effettuata dalla Guardia di finanza della Tenenza di Vittoria coordinata dal tenente Domenico Ruocco nel contesto di mirati controlli per combattere l’evasione fiscale.

Nei confronti dell’imprenditore è stata rivolta particolare attenzione alla corretta tenuta della contabilità. Il sempre fondamentale ausilio delle banche dati, ha consentito l’incrocio da una parte degli elementi in possesso all’Amministrazione Finanziaria e dall’altra dei dati desunti dalle attività ispettive. Si è così appurato che sono state poste in essere gravi violazioni inerenti la presentazione delle dichiarazioni annuali delle imposte sui redditi e sull’iva.

In particolare, secondo quanto constatato dai finanzieri della Tenenza di Vittoria, la ditta dal 2008 al 2011 ha compiuto diversi illeciti nel comparto tributario; per poter svolgere una completa ricostruzione della capacità reddituale, i militari delle Fiamme Gialle hanno analizzato fatture e registri iva, gli unici documenti contabili che la parte ha esibito. Vani i tentativi di richiesta di tutti gli altri documenti contabili obbligatori, mai utilizzati da parte dell’imprenditore il quale, a fine anno, non ha mai presentato la dichiarazione dei redditi. In particolare la società, dopo essersi occupata della costruzione degli immobili li vendeva, talvolta sottofatturando gli importi reali, senza poi riportare i redditi percepiti in dichiarazione. L’imprenditore comisano è riuscito a sottrarre a tassazione circa 7 milioni di euro, evadendo IVA per circa 90.000 euro.