Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 389
COMISO - 06/04/2013
Cronache - Manette per gli incensurati Fulvio e Silvio Torre

Operazione "Tower": i fratelli della droga

Avevano oltre un chilo di sostanza stupefacente Foto Corrierediragusa.it

Sono stati sorpresi con addosso oltre un chilo di marijuana. Per questo motivo sono scattate le manette dei Carabinieri ai polsi di 2 fratelli catanesi Fulvio e Silvio Torre (da sx nella foto), di 26 e 21 anni, incensurati, uno dei quali risiede a Comiso. Proprio dal cognome degli arrestati, i militari hanno coniato l´operazione col nome "Tower".

Nello specifico, i Carabinieri, dopo aver intercettato sulla provinciale 7 due autovetture Ford Focus entrambe di colore grigio, ne hanno fermato prima una guidata da uno dei fue fratelli e vi hanno trovato all’interno, nascosta sotto il sedile anteriore destro, la droga. Poi i militari hanno inseguito la seconda autovettura condotta dall´altro Torre, verosimilmente con la funzione di «staffetta» e datasi alla fuga, che è stata raggiunta poco dopo a Pedalino.

I due fratelli, una volta bloccati e sottoposti a perquisizione, sono stati condotti in caserma per gli accertamenti e sottoposti agli arresti domiciliari nelle rispettive abitazioni a disposizione dell’autorità Giudiziaria iblea davanti la quale dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Inoltre, nel corso della perquisizione personale, gli arrestati sono stati trovati in possesso di 170 euro, ritenuti provento dell’attività illecita di spaccio di droga. Uno dei due fratelli è altresì ritenuto responsabile di aver ceduto, nella serata di giovedì, 4 involucri di marjiuana ad un 17enne di Comiso nei pressi dell’ospedale «Regina Margherita» e dovrà quindi anche rispondere di spaccio di sostanza stupefacente aggravata dalla cessione a soggetto minorenne.