Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1163
COMISO - 14/03/2013
Cronache - L’episodio è successo domenica pomeriggio fra le vie San Biagio e Gandhi

Investe una Nissan e fugge: denunciato

Alcuni testimoni hanno annotato il numero di targa della C3 i vigili urbani di Comiso hanno identificato e denunciato il conducente, un gelese di 22 anni
Foto CorrierediRagusa.it

Pirata della strada gelese individuato 4 giorni dopo l’incidente e denunciato a piede libero dalla Polizia municipale di Comiso. Il fatto è accaduto domenica pomeriggio all’incrocio fra via San Biagio e via Gandhi. Una Citroen C3 investe una Nissan Micra e il conducente anziché fermarsi e prestare soccorso, ingrana la marcia e fugge. Alcuni testimoni hanno annotato il numero della targa e i vigili urbani coordinati dal comandante Antonio Fiorile (foto) sono andati a identificare il conducente direttamente nella sua abiazione di Gela. Il presunto pirata, infatti, è um gelese di 22 anni, rimasto illeso.

I passeggeri della Micra, escluso il conducente di 22 anni, hanno riportato ferite guaribili fra i 6 e 7 giorni: la madre del conducente, il fratello maggiore e la sorella minore. Subito dopo lo scontro il giovane gelese si è allontanato ma alcuni passanti hanno annotato il numero di targa dell´autovettura che è stato riferito agli agenti della polizia municipale nel frattempo sopraggiunti sul posto.

Le indagini coordinate dal comandante Antonio Fiorile, che si è avvalso della collaborazione dei colleghi di Gela e della Polizia di Stato nissena, hanno permesso di individuare il giovane investitore che è stato poi identificato da una pattuglia recatasi appositamente a Gela. Al giovane gelese sono stati contestati l´infrazione della mancata precedenza e inoltre deve rispondere dei reati di omesso soccorso e fuga.