Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1442
COMISO - 03/04/2012
Cronache - Colto in flagranza di reato dai Carabinieri nei pressi di una vettura con coltello in mano

Preso tagliatore di gomme: avrebbe danneggiato 15 auto a Comiso

Per non farsi arrestare ha minacciato col coltello i militari, che di non divulgano il suo nome per proteggerlo dalle vittime pronte a linciarlo
Foto CorrierediRagusa.it

Preso il tagliatore di gomme d’auto comisano che ha seminato il terrore in via San Francesco, nel quartiere delle Grazie. I Carabinieri di Comiso lo hanno arrestato mentre stava effettuando un «intervento chirurgico» sull’ultima di una lunga serie di auto in sosta. Il suo «bisturi» era un coltello da cucina, manico colore giallo e lama con la punta modificata a piatta, in tutto 20 centimetri. E c’è mancato poco che per evitare di farsi immobilizzare sfregiasse il volto di qualche commilitone. Gli inquirenti di Comiso non hanno rivelato il suo nome e cognome, per il suo bene, per non darlo in pasto alle tante vittime che hanno trovato le gomme delle loro auto tagliate. Perché alcuni cittadini di Comiso si erano organizzati per scovarlo prima dei carabinieri non certo per complimentarsi con lui.

C.C., queste le iniziali, 53 anni, sottoposto alla libertà vigilata per i suoi precedenti con la giustizia, avrebbe tagliato le gomme di 15 auto in ore notturne nel periodo che va dal 25 marzo a quando i militari dell’Arma gli hanno messo le mani addosso e tolto a fatica il coltello dal suo possesso. L’uomo ha tentato resistenza per non farsi arrestare minacciando i militari con il coltello che deteneva. E’ stato spedito in contrada Pendente con l’accusa di danneggiamento aggravato, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.