Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 814
COMISO - 06/12/2011
Cronache - La Polizia di Comiso fa luce sull’increscioso episodio avvenuto un mese fa

Quattro denunciati per la rissa del «ciano a Matrici»

Individuati gli autori della scazzottata western sul sagrato della chiesa Maria delle Stelle. Un giovani comisano subì 21 punti di sutura al volto

Individuati e denunciati gli autori della rissa che un mese fa provocò 21 punti di sutura al volto di un giovane comisano. Il fatto si svolse nel sagrato della chiesa Maria SS. delle Stelle, conosciuto meglio come «cianu a Matrici». Alcuni extracomunitari avevano ingaggiato una rissa con dei ragazzi di Comiso ed uno di questi era stato ricoverato all’ospedale a causa di una bottigliata in faccia.

Grazie alla collaborazione di altri giovani, anche extracomunitari, presenti sul posto, la Polizia di Comiso coordinata dal vice questore Rosario Amarù, ha ricostruito nei dettagli l’intera vicenda. Quella sera un nutrito gruppo di ragazzi, italiani ed extracomunitari, probabilmente incoraggiati dall’alcool, per futili motivi, si sono contrapposti in schieramenti che si scambiavano schermaglie verbali. La cosa è degenerata quando si è giunti alle vie di fatto, con scambio di testate, schiaffi, pugni ed un colpo di bottiglia al viso che provocava le lesioni ad un giovane che si era interposto per allontanare i contendenti.

I fratelli O. H. di 19 anni e O. B. di 18 anni e L. P. G. di 25 anni sono stati denunciati per rissa; il primo anche per lesioni personali. Infine M. M. di 20 anni è stato denunciato per sostituzione di persona e favoreggiamento personale, atteso che O.H. feritosi alla mano col vetro della bottiglia che brandiva, si è recato al pronto soccorso dell’ospedale civile di Ragusa e si è fatto identificare con i documenti forniti dall’amico M.M.