Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 615
COMISO - 25/11/2011
Cronache - Stamattina davanti alla scuola elementare Senia

Bimbo aggredito da branco di randagi, tragedia sfiorata

Solo la prontezza di riflessi e il coraggio del genitore ha evitato il peggio: il ragazzino non è rimasto neanche ferito, ma solo traumatizzato

Sfiorata la tragedia stamattina davanti alla scuola elementare Senia. Un bambino è stato attaccato da un gruppo di cani randagi di grossa stazza. Il comisano G.M., che stava accompagnando il figlio alla scuola elementare Senia in via Cechov, per un soffio ha evitato che si consumasse un fatto grave.

Un branco di cani di grossa mole, infatti, ha preso di mira il bambino e lo ha attaccato. Solo la prontezza di riflessi e il coraggio del genitore ha evitato il peggio. Il bambino, ovviamente traumatizzato, ha potuto entrare regolarmente in classe, ma l’epilogo poteva essere molto diverso.

Sulla vicenda è intervenuto anche Progresso Sud tramite Michele Zisa e Gaetano Cottonaro che hanno dichiarato : «Il padre ha denunciato l’evento ad una pattuglia dei Vigili Urbani che, per caso, si trovava a passare, scoprendo che il Sindaco non garantisce il controllo delle scuole soprattutto durante gli orari di entrata e uscita.

Egli ha avvertito anche il dirigente scolastico, il quale gli ha risposto di aver già fatto degli esposti, ma senza alcun risultato». Progresso Sud ha messo anche l’accento su altri problemi di ordine sociale a Comiso: «Sottolineiamo che i segnali di allarme sociale sono a Comiso, purtroppo molteplici.

Episodi di violenza e microcriminalità si succedono quotidianamente, soprattutto negli ambienti giovanili. I furti anche di piccole cose come delle grondai delle case in pieno centro storico, segnalano come sia pesante la situazione. Occorre intervenire al più presto a partire dall’emergenza randagismo che non è assolutamente attenzionata da Alfano e dalla sua giunta.

E’ necessario che si metta mano ad un controllo più accurato del territorio che già da troppo tempo è stato abbandonato al suo destino da un Sindaco in tutt’altro affaccendato. La sosta selvaggia, la spazzatura che sistematicamente staziona nelle vie cittadine fino a tarda sera, quando va bene, le bande giovanili, provenienti anche da altri centri, che danno vita a risse più o meno gravi, la disoccupazione dilagante, gli episodi di microcriminalità, lo stato pietoso in cui si trovano le nostre strade, tutto questo concorre a dare un immagine della nostra città che non meritiamo.

Il responsabile di tutto ciò è il Sindaco. Con forza chiediamo cosa sta facendo e soprattutto cosa ha intenzione di fare per risolvere tutti i problemi della città. Già più volte noi abbiamo sollecitato il dibattito in consiglio comunale con interrogazioni al Sindaco, ma purtroppo sempre con risposte vaghe ed evasive. Noi siamo pessimisti nel giudizio sull’operato di questa giunta e il tempo ci da ragione sempre di più».


meglio non intervenire...
25/11/2011 | 18.37.22
giovanni

meglio lasciare in pace i "poveri" cani rabbiosi e feroci....
meglio che ci vada di mezzo qualche bambino piuttosto che i cani perchè, se si interviene, gli animalisti fanno un casino d´inferno...
se ci scappa il morto, invece, la colpa è sempre di chi non ama i cani...