Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 551
COMISO - 07/07/2011
Cronache - Presi in flagranza due presunti ladri di rame

Business del rame, arrestati due comisani

I militati, durante un controllo in contrada Canicarao, hanno colto con le mani nel sacco Orlando La Perna e Giovanni Chiavola già noti alle forze dell’ordine
Foto CorrierediRagusa.it

Ladri di rame colti in flagranza di reato a Comiso nel corso di un controllo del territorio. Martedì sera al termine di una lunga e articolata attività di indagine basata su servizi di osservazione e controllo del territorio, i militari della Stazione di Comiso che da tempo stavano seguendo i movimenti di alcuni soggetti pregiudicati già sospettati di essere gli autori di furti della stessa specie, hanno sorpreso Orlando La Perna (foto), 42enne comisano, pregiudicato, nullafacente e Giovanni Chiavola, 54enne comisano, pregiudicato, nullafacente, mentre erano intenti a sfilare alcuni cavi elettrici da un quadro posto all’esterno di un edificio comunale sito in quella zona industriale di Contrada Canicarao e che sarebbe servito ad alimentare la costruenda mensa comunale.

I due malviventi sono stati trovati proprio mentre, con l’ausilio di alcuni strumenti per l’effrazione, una tronchesi, due tenaglie e alcuni cacciaviti, stavano smontando il quadro elettrico e tagliando i cavi in rame contenuti. Immediatamente bloccati e tratti in arresto, due sono stati condotti presso gli uffici del Comando e trasferiti presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’autorità giudiziaria davanti alla quale dovranno rispondere dei reati di furto aggravato in concorso e danneggiamento di beni di proprietà della pubblica amministrazione. Il quantitativo di rame ricuperato supera i 20 kg e il danno complessivo cagionato nel tentativo di furto è quantificabile in circa 2.500 euro.