Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1146
COMISO - 12/03/2011
Cronache - Comiso: otto ore di intervento di chirurgia plastica nel nosocomio comisano

Vittoriese rischia di perdere il naso per il morso di cane

Il ferito è stato portato a Vittoria, poi a Ragusa, infine a Comiso, operato dal primario Angelo Fatuzzo che gli ha ricostruito l’ala destra, le parti molli e la cartilagine del naso. Stava raccogliendo asparagi quando è stato attaccato dal cane
Foto CorrierediRagusa.it

Un vittoriese di 62 anni, C.G., è stato aggredito da un cane nel tardo pomeriggio di venerdì a Vittoria. Le sue condizioni si sono presentate immediatamente critiche, poiché il cane gli ha reciso la parte inferiore del naso, l’ala destra, le parti molli e cartilaginose. Trasportato al pronto soccorso di Vittoria, è stato smistato al reparto di otorino di Ragusa da dove però, è stato ulteriormente trasferito al reparto di chirurgia di Comiso (nella foto). L’intervento effettuato in emergenza differita, è cominciato alle 21.30, e si è concluso positivamente alle 5 di mattina. L’uomo resterà ricoverato per circa 15 giorni.

«L’emergenza differita di ieri – ha dichiarato Angelo Fatuzzo primario del reparto di chirurga – è la palese dimostrazione che nell’ospedale di Comiso, si effettuano interventi specialistici che, in altri nosocomi iblei, non si sarebbero potuti effettuare. Infatti, questo nosocomio ha tutte le potenzialità per essere un centro di chirurgie specializzate. E sebbene – ha concluso Fatuzzo – il reparto di chirurgia plastica di fatto è stato sostituito dopo 10 anni, dal reparto di chirurgia generale, le professionalità in campo possono certamente intervenire anche in questi tipi di interventi, come altre professionalità possono intervenire in altre specialistiche».