Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1019
COMISO - 14/12/2010
Cronache - Comiso: sorpresi dai Carabinieri mentre asportavano cavi dall’area aeroportuale

Sette romeni rubavano fili elettrici dall’aeroporto

Avevano già tranciato 550 chili di cave in rame, restituito al demanio militare

In sette, romeni, tutti colti in flagranza mentre rubavano fili elettrici. La banda del rame stava saccheggiando l’area demaniale del Magliocco quando i militari dell’arma sono entrati in azione. Lunedì notte, durante un servizio di perlustrazione già predisposto, i carabinieri hanno intercettato 7 romeni muniti di tenaglie e trancia cavi. Stavano asportando alcuni grossi cavi elettrici e per le telecomunicazioni che venivano tagliati all’altezza di un primo pozzetto per poi essere sfilati dal successivo.

Subito fermati, i sette venivano dichiarati in arresto e identificati in Bastic Constantin Petru, 21enne pregiudicato, Stavarache Dumitru 48enne, Tudoran George 20enne, Gogu Ionel 48enne, bracciante agricolo, Colibas Ionel 28enne, Carlan Marian, 29enne e Nedelea Vasile 43enne, tutti braccianti agricoli di cittadinanza rumena e residenti a Comiso.

I malviventi infatti, dopo aver tagliato in sezioni di diversa lunghezza i cavi di rame, li suddividevano in matasse che lasciavano in vari punti lungo la recinzione dell’area militare con l’intenzione di recuperarli alle prime luci dell’alba per poi ricavarne il rame contenuto per rivenderlo e trarne guadagno. Al termine dell’attività investigativa venivano ricuperati più di 550 kg. di cavi in rame che, visto il valore attuale della materia prima, se rivenduti avrebbero potuto far ricavare ai sette un profitto di qualche migliaio di euro.

Bastic e Stavarache, in particolare, erano già conosciuti ai Carabinieri della Compagnia di Vittoria poiché erano già stati arrestati rispettivamente ad aprile e a maggio scorso dopo che erano stati sorpresi, unitamente ad altri connazionali, all’interno dell’area militare dell’aeroporto «Magliocco» mentre stavano asportando altri cavi in rame. Sono 19 le persone arrestate dall’inizio dell’anno in quattro diversi episodi dai militari della Stazione di Comiso per furti di fili elettrici che, in più di un’occasione, hanno provocato gravi danneggiamenti alle famiglie e alle aziende servite dalle linee elettriche messe fuori uso dai malviventi.